« Torna indietro

Cinema, musica e scuola si incontrano nonostante il distanziamento sociale

I bambini e gli adolescenti diventano a La Spezia i protagonisti dello scenario socioculturale che stiamo attraversando con la pandemia. Per il cinema si muove un casting nella nostra città alla ricerca di due fanciulli, uno di età compresa fra i 7 e i 10 anni e l’altro tra gli 11 e i 14 anni, che possano ricoprire il ruolo del ‘bambino ligure’ come primi attori nel film del regista Carlo Alberto Biazzi in collaborazione con la casa di produzione Remor Film. Una pellicola ambientata nel dopoguerra che sarà girata nella provincia di La Spezia entro l’estate e coinvolgerà i panorami caratteristici delle nostre zone e le nostre genti, arricchendo di valore aggiunto il Levante Ligure. Biazzi è ricordato per la regia di ‘Il padre di mia figlia’ con Giulio Scarpati e Luciano Tovoli per la fotografia, presentato al Festival di Cannes nel 2017. Per il film in preparazione, i candidati al suddetto ruolo saranno contattati per il provino dal vivo e solo dopo aver inviato la candidatura online, mentre per le comparse ed i figuranti verranno indetti ulteriori casting nel corso del 2020. Il primo ciak è previsto in settembre e vedrà la partecipazione del costumista Massimo Cantini Parrini e del drammaturgo Sergio Pierattini.

Per la musica, invece, parte l’iniziativa del Liceo Musicale Cardarelli, istituto storico di La Spezia, insieme con il C.A.T. ed il Liceo Artistico. Imput scolastico durante l’emergenza Covid accolto dall’ente ministeriale INDIRE (Istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa), il quale, ha organizzato il consueto appuntamento ‘La Settimana della musica’, giunto quest’anno alla sua XXXI edizione. Nel passato le scuole di Italia si incontravano proponendo concerti ed appuntamenti musicali di grande valenza artistica e didattica. La drammaticità che stiamo vivendo ha obbligato INDIRE ad adottare una modalità alternativa, ossia, avvalersi del web attraverso una rassegna virtuale intitolata ‘La musica unisce la scuola’. L’iniziativa ha visto la partecipazione di oltre 1.200 scuole di ogni grado che hanno inviato video delle loro esibizioni musicali, svolte anche in forma interdisciplinare. I video presentati dagli alunni coadiuvati dai loro insegnanti ammontano a circa 3.400. Il Liceo Musicale Cardarelli ha presentato 13 video musicali, realizzati con l’impiego di una varietà strumentale costituita da archi, legni, ottoni ed esibizioni di musica da camera con pianisti, chitarristi, cantanti e sassofonisti, fino alla produzione di elaborati multimediali, vedendo il coinvolgimento degli alunni e del personale docente. Impegno premiato in occasione del webinar,  dedicato alla presentazione di alcuni progetti di ricerca regionali e curato dal dott. Benedetto Maffezzini per la Liguria, con la trasmissione in diretta nazionale del video del Coro del Cardarelli nell’interpretazione dell’Ave Verum Corpus di Mozart. A guisa dei lavori presentati, anche questa registrazione, è stata svolta con la modalità di virtual performance, ovvero, gli alunni hanno provveduto ad eseguire e registrare in autonomia le proprie parti, successivamente montate dall’insegnante per ottenere il prodotto finito.
I video musicali presentati dagli alunni del Liceo Cardarelli  hanno popolato gli schermi di parecchie emittenti televisive del nostro territorio regionale. Grazie ai bambini e agli adolescenti il cinema, la musica e la scuola  non si fermano, registi, casting, case di produzione cinematografiche, docenti, esperti di musica, presidi si adoperano nella loro missione con un volto nuovo, garantendo quella condivisione per riportare sui banchi la serenità e la speranza nel futuro.

Edizioni