« Torna indietro

UNIBG, al via seconda edizione dei Digital Open Days

UNIBG, al via seconda edizione dei Digital Open Days

Covid-19, Fase 3. Anche gli studenti bergamaschi vogliono ripartire. Domani, martedì 9 giugno, si svolgerà online la seconda edizione dei Digital Open Days.

Covid-19, Fase 3. Anche gli studenti bergamaschi vogliono ripartire. A partire da domani, martedì 9 giugno fino a giovedì 11, si svolgerà online la seconda edizione dei Digital Open Days. “Kermesse” accademica, organizzata dall’Università degli Studi di Bergamo. La prima edizione, svoltasi due mesi fa, ha visto la partecipazione di 1.900 studenti della scuola secondaria superiore. Nel mese di maggio, invece, si è svolta una fase extra dei Digital Open, interamente dedicata ai corsi di laurea magistrale. In quest’ultima occasione, sono state registrate circa 4.000 adesioni.

In questa seconda edizione, terranno banco diversi step: tutti gli interessati ad aderire all’offerta formativo-accademica di UNIBG, svolgeranno a distanza i TOLC@CASA, i test di ammissione a tutte le facoltà che richiedono questo tipo di selezione. Successivamente, le aspiranti matricoli cominceranno il loro viaggio alla scoperta delle singole facoltà. La Prof. ssa Sandrone, prorettrice e responsabile dell’orientamento studenti, guiderà ciascun giovane aspirante laureato nella fase di scelta della facoltà. La sezione “Studia con noiOrientarsi”, è un vero e proprio sportello orientamento con la possibilità concreta di ricevere anche, su esplicita richiesta, dei servizi personalizzati di counseling. Servizi particolari di orientamento organizzati, anche, per tutti quei giovani studenti, portatori di handicap o con particolari disturbi dell’apprendimento.

UNIBG, al via seconda edizione dei Digital Open Days 
Foto: inaugurazione sede UNIBG- Via Salvecchio (anno 1975)
UNIBG, al via seconda edizione dei Digital Open Days
Foto: inaugurazione sede UNIBG- Via Salvecchio (anno 1975)

Un anno accademico, decisamente anomalo, volge al termine; Bergamo non resta a guardare o a piangere. Si pensa al domani, ripartendo da cultura e istruzione.

Edizioni