« Torna indietro

Sequestrata per mafia la AVR Spa, la società che gestisce la rete stradale del comune

Il sequestro della AVR Spa per infiltrazioni criminali, dà luogo ad una sorta di domino dal momento che la holding calabro –romana è attiva in sei regioni italiane tra le quali anche la Toscana. Per il comune di Firenze si è aggiudicata nell’estate del 2018, il Global Service della rete stradale fiorentina, con un super appalto di circa 37 milioni in tre anni, per la manutenzione ordinaria e straordinaria di oltre mille chilometri di strade.

Al momento la holding è stata sequestrata per mafia dal nucleo carabinieri di Reggio Calabria ed è in amministrazione giudiziaria. Sono sotto inchiesta i funzionari del comune e della città metropolitana di Reggio Calabria ed esponenti politici locali . Un intreccio politico e imprenditoriale basato su ricatti e scambi di favori reciproci.

La AVR Spa, in questi anni si è aggiudicata importati appalti tra i quali anche il global service per la Firenze-Pisa-Livorno, in altre parole in servizi di governo (viabilità, pronto intervento, monitoraggio dell’infrastruttura), Sala Radio e Call Center, servizio di Rilascio Autorizzazioni al Transito Eccezionale sulla strada a scorrimento veloce Firenze, Pisa, Livorno, lavori di manutenzione ordinaria,operazioni invernali, servizi di ingegneria extra canone.
Tra gli appalti in tutta Italia della holding anche i servizi di manutenzione straordinaria della segnaletica per Aeroporti di Roma S.p.A., di manutenzione ricorrente sulle autostrade italiane, come contratti in Polonia.

Inutile dire che il metodo di lavoro era spregiudicato, episodi di sfruttamento segnalato a più riprese ed estrema vicinanza ai clan dell’andragheta fornendo lavoro proprio alle aziende legate alla criminalità calabrese.
I consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu dichiarano: “ Il sistema degli appalti in Italia è una vergogna, che garantisce cattivi servizi sulle spalle dei diritti e dei salari di chi lavora. È una verità sottolineano che ricordiamo da anni anche a Firenze, con Firenze Riparte a Sinistra ieri e Sinistra Progetto Comune oggi. Il modello stesso di global service è inaccettabile. Non si mettono le istituzioni in grado di controllare, altro che logica dei pieni poteri e di semplificazione delle norme, come chiede il Sindaco di Firenze. L’economia italiana è da tempo intrecciata con quella illegale. È la natura del capitalismo per come si è sviluppato nel recente passato, sul nostro territorio.”

Edizioni