« Torna indietro

test sierologici

Test sierologici, le tre ASST del territorio ATS Insubria spingono a quota 10 mila

Continuano i test sierologici effettuati dalle tre ASST del territorio di ATS Insubria, che ora toccano quota 10.000, nonostante nell’ultima settimana l’attività di testing sia diminuita, a seguito del progressivo esaurimento delle liste dei soggetti in fase conclusiva della quarantena domiciliare.

Continuano i test sierologici effettuati dalle tre ASST del territorio di ATS Insubria, che ora toccano quota 10 mila, nonostante nell’ultima settimana l’attività di testing sia diminuita, a seguito del progressivo esaurimento delle liste dei soggetti in fase conclusiva della quarantena domiciliare.

A tali “pazienti” viene infatti proposto il test ai sensi della Circolare Regionale del 22.04.2020.

Test sierologici, lo screening sugli operatori sanitari

Continua, con una significativa adesione, lo screening sugli operatori sanitari: sono stati 1.252 questa settimana, portando il totale dall’inizio a quasi 9.000 individui testati.

Del totale degli esaminati dal 29 aprile al 2 giugno (10.086), sono stati processati e comunicati i risultati per 9.147 soggetti.

Sul totale degli esiti noti si riscontrano 1.010 positivi (11%), 7.928 esiti negativi (86,7%) e 209 esiti dubbi (2,3%).

Test sierologici, i risultati resi noti

Nell’ambito degli esiti noti, per il gruppo “inviti ATS” (1.046), i positivi sono 439, i negativi 555 e gli esiti dubbi 52, mentre nel gruppo “operatori sanitari”, i positivi risultano essere 571, i negativi 7.373 e gi esiti dubbi 157.

Tali esiti confermano la differenza tra il gruppo dei soggetti invitati da ATS e quello degli operatori sanitari già delineata nelle prime settimane, nonostante l’aumento della popolazione campionata. La percentuale di positivi infatti risulta, per tutto il periodo considerato, pari al 42% nel gruppo “Inviti ATS”, mentre risulta pari al 7 % nel gruppo “operatori sanitari”.

Edizioni