« Torna indietro

https://www.facebook.com/unipisaofficial/

Conti a Mencarella: ripensaci! Sindaco e Rettore di Pisa divisi sulla riapertura dell’Università

“Alla Conferenza Università Territorio di oggi ho chiesto al Rettore Paolo Mancarella di rivedere la scelta di non riprendere le lezioni in presenza neanche per il primo semestre del prossimo Anno Accademico. Una decisione che per la città è devastante sia sotto il profilo economico, sia per lo stesso Ateneo, che può rischiare anche un calo di iscrizioni”.

Con queste parole il Sindaco di Pisa Michele Conti si rivolge al Rettore dell’ateneo pisano, paventando il rischio che molti ragazzi e le loro famiglie scelgano gli Atenei di altre città, come ad esempio Firenze, che dall’autunno del 2020 “sarà di nuovo accessibile per uno svolgimento della didattica che permetta la presenza contingentata degli studenti nelle aule secondo l’orario previsto dal calendario didattico, oltre a dare la possibilità di seguire le lezioni online a chi lo volesse”

Conti tira in ballo anche la Regione Toscana, in particolare l’Assessore Monica Barni che ha la delega ai Rapporti con Università e centri di ricerca e che, ad avviso del Sindaco, avrebbe dovuto coordinare i tre Atenei e favorire una posizione univoca rispetto a questo tema.

Ma cosa aveva detto esattamente Mancarella?

In una nota ufficiale comparsa sul sito dell’Università di Pisa, il Rettore aveva commentato le decisioni assunte Venerdì 29 maggio, in seduta congiunta, dal Senato Accademico e dal Consiglio d’Amministrazione dell’ateneo per l’erogazione della didattica nel prossimo anno accademico con le parole. “Prudenza, flessibilità e non discriminazione. (…) Obiettivo: un graduale ritorno alla normalità, senza abbandonare mai completamente la modalità online, così da consentire agli studenti italiani fuori sede e a quelli internazionali di seguire le lezioni anche se impossibilitati a raggiungere Pisa per motivi legati all’emergenza”, aggiungendo che non si può ragionare come se non fosse successo niente.

Edizioni