« Torna indietro

Microsoft rinuncia a battagliare nel campo del live streaming dove si confrontava con Amazon, Facebook e Google.

Microsoft vende Mixer a Facebook

Microsoft rinuncia a battagliare nel campo del live streaming dove si confrontava con Amazon, Facebook e Google.

Microsoft rinuncia a battagliare nel campo del live streaming dove si confrontava con Amazon, Facebook e Google.
La piattaforma di live streaming acquista dal Microsoft nel 2016 concluderà a breve la sua esistenza. A partire dal 22 luglio gli utenti che proveranno l’accesso dal sito mixer.com verranno reindirizzati verso Facebook Gaming, la piattaforma che il gruppo di Zuckerberg ha dedicato agli appassionati di videogiochi.


Nonostante Mixer facesse parte di un importante gruppo e nel 2019 fosse riuscita a ingaggiare in esclusiva streamer di punta come Tyler “Ninja” Blevins e Michael “Shroud” Grzesiek, la piattaforma non è mai riuscita a imporsi e raggiungere i livelli di utenza dei primi della classe, ovvero Twitch e YouTube Gaming. Nella classifica infatti resta nettamente al quarto post, dietro a Facebook Gaming.
In un panorama dove Facebook Gaming è cresciuta del 238%, Twitch del 101% e YouTube del 65%, Mixer si è dovuta invece accontentare del 0,2% (dati Stream Elements / Arsenal, aprile 2020).


La decisione si inquadra in un disegno più ampio dove Xbox pensa al futuro e si proietta verso il Project xCloud (xCloud game streaming service). Secondo Phil Spencer, il capo di Xbox: “Per soddisfare al meglio le esigenze della nostra comunità, stiamo collaborando con Facebook per consentire alla comunità Mixer di passare al gioco su Facebook. Penso che la community di Mixer trarrà veramente un beneficio dall’ampio pubblico che Facebook ha attraverso le sue feature e le capacità di raggiungere i giocatori in un modo molto fluido attraverso la sua piattaforma social. In futuro, attraverso la forza di Xbox Live e Project xCloud, ci sarà un solo click di distanza fra il ‘sto guardando’ e il ‘sto giocando’ “.
Spencer si riferisce alla possibilità in futuro di passare da un video al gioco con un solo click, attraverso una funzione già ipotizzata con ambizione da Google con Stadia.


Il capo di Xbox inoltre precisa: “Non si trattava tanto di ritorno sulla vendita, ma di trovare una partnership che fosse la cosa migliore per la community e gli streamer. Pensiamo che sia così, e ci offre un’ottima posizione per lanciare più contenuti xCloud e dare ai giocatori la possibilità di giocare da lì.” Poi, in merito alla prospettiva di Microsoft di raggiungere 2 milliard di gamers con xCloud, Spenser aggiunge: “Quando pensiamo a xCloud e all’opportunità di far accedere all’esperienza game 2 miliardi di giocatori, sappiamo che sarà di fondamentale importanza che i nostri servizi trovino un vasto pubblico e Facebook, chiaramente, ci dà questa opportunità”

A coloro che sono ora Mixer Partners verrà concesso lo status di partner anche con Facebook Gaming e a tutti gli streamer che utilizzano il programma di monetizzazione legato a Mixer verrà concessa l’idoneità al programma Level Up di Facebook. I viewers di Mixer con eccezionali Ember balances, abbonamenti ai channel o sottoscrizioni a Mixer Pro riceveranno una gift card credit di Xbox.
Quanto alle streaming star Ninja, Shroud e altri nomi noti ora presenti su Mixer, saranno liberi di tornare a Twitch o rimanere su Facebook Gaming.


Non ancora è ben chiaro quando vedremo xCloud comparire in Facebook Gaming, ma questa è un aspetto chiave di questa nuova partnership.
Microsoft si starebbe preparando a lanciare lo streaming xCloud entro la fine dell’anno, come parte dell’offerta Xbox Game Pass dell’azienda.
La previsione di Phil Spencer è la seguente: “Non credo che dovremo aspettare troppo a lungo per vedere il risultato della collaborazione tra le due società e abilitare questa tecnologia per i viewers di Facebook Gaming”.

Fonti: News.xbox / The Verge 22 Giugno 2020, Stream Elements, Arsenal.

Edizioni