« Torna indietro

lupo degli Alimini

lupo degli Alimini

Catturato il lupo degli Alimini, era stato abbandonato dall’uomo

Nelle ultime ore aveva seminato il panico tra i cittadini e i turisti della zona, il lupo degli Alimini alla fine è stato catturato. Era stato immortalato diverse volte in video e fotografie e quindi, facilmente riconoscibile, è stato fermato dagli operatori del Parco nazionale della Majella, coadiuvati dai carabinieri forestali di Otranto. È finita in questo modo l’avventura del lupo degli Alimini che aveva fatto scattare l’allarme in zona per alcune sue aggressioni. In particolare, una veste strappata ad una bambina e l’incontro ravvicinato con una turista intenta a fare jogging, costretta poi a farsi medicare per alcune ferite causate dall’animale, hanno reso necessaria la cattura avvenuta ieri sera. Il lupo degli Alimini aveva seminato il panico tra gli avventori della zona, tanto che nelle scorse ore erano apparsi dei cartelli in zona Specchiulla in cui si invitavano i turisti a stare attenti e ad essere prudenti: “Nella zona si aggira un lupo solitario con un comportamento, sino ad ora, non aggressivo. Si invitano i residenti a prestare la massima attenzione e ad evitare di frequentare, nelle prime ore del mattino e prima del tramonto e per tutta la notte, le zone antistanti il villaggio”.

Il lupo degli Alimini sta bene, ora è stato trasferito in Emilia Romagna

Dopo la cattura si è scoperto un altro retroscena sul lupo degli Alimini. L’animale, infatti, era stato abbandonato dall’uomo dopo un periodo in cattività. È questa l’ipotesi avallata dai carabinieri del nucleo forestale e dagli operatori animalisti che hanno visitato il lupo dopo la cattura avvenuta ieri sera intorno alle 22.30 presso la zona degli Alimini di Otranto. I militari della forestale della zona, insieme al Nipaaf e agli operatori del parco nazionale della Majella hanno catturato l’esemplare attraverso un dardo narcotizzante. Dopo i primi controlli si è scoperto che si tratta di un lupo subadulto che pesa quasi 30 Kg e ha circa 14 mesi di vita. I militari hanno notato sull’animale degli evidenti segni intorno al collo, presumibilmente riconducibili all’utilizzo di un collare. Questo spiegherebbe l’anomalo comportamento dell’animale che si era incattivito dopo un primo periodo di famigliarità con l’uomo alla cui presenza sarebbe stato abituato nei primi mesi di vita. Il lupo degli Alimini sarà accompagnato in una struttura dedicata presso Monte Adone Sasso Marconi in provincia di Bologna per evitare che qualcuno gli faccia del male. 

Edizioni