« Torna indietro

Dalla pagina di Legambiente Sicilia.

Palermo il giorno dopo il nubifragio, nessuna vittima e molte polemiche

Palermo il giorno dopo il nubifragio: nessuna vittima, allo stato attuale, ma non mancano le polemiche e gli allarmi. Polemiche per le frasi di Salvini su un Orlando disattento nei confronti dei palermitani, e solo a favore dei migranti. Frasi rimbalzate sui Social e oggetto di molte critiche anche da parte di artisti come Roy Paci e Pif. Allarmi sull’ennesima debolezza dei territori in caso di eventi violenti e improvvisi come una bomba d’acqua.

“Oltre un metro di pioggia è caduta a Palermo in meno di due ore. La pioggia più violenta nella storia della città almeno dal 1790, pari a quella che cade in un anno. Una pioggia che nessuno, nemmeno i metereologi che curano le previsioni nazionali, aveva previsto, tanto che nessuna allerta della Protezione Civile regionale era stato emanata per la nostra città. Se l’allerta fosse stata diramata, sarebbero state attivate le procedure ordinarie che, pur nella straordinarietà degli eventi di oggi, avrebbero potuto mitigare i rischi”, ha dichiarato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il quale in conferenza stampa, oggi, ha sottolineato che l’ambito del dissesto idrogeologico è commissariato da sei anni. E il commissario è il presidente della Regione e un suo delegato.

L’intervento di Legambiente: “Mancano gli interventi strutturali”

“È in occasioni come queste che ci misuriamo con l’urgenza di sviluppare piani territoriali di adattamento ai cambiamenti climatici per rendere sicure le città del nostro paese. Palermo quanto celermente sarà in grado di rispondere a questo bisogno ancora da soddisfare?”, afferma Legambiente (la foto in evidenza è tratta dalla pagina Facebook di Legambiente Sicilia). Al sindaco, in merito alla dichiarazione che l’alluvione di ieri non fosse prevedibile, i circoli palermitani di Legambiente ricordano che nel rapporto “Il Clima è già cambiato” “Palermo compariva già nella triste top 5 dei Comuni italiani più colpiti da eventi meteorologici estremi e la città non è nuova all’emersione di criticità derivate anche da una carenza di interventi strutturali. Per fortuna non ci sono state vittime ma non giochiamo a dadi con la sorte. Non possiamo più aspettare”, scrivono in un comunicato i circoli palermitani di Legambiente.

Edizioni