« Torna indietro

Asolo, servizio navetta gratuito

Asolo, servizio navetta gratuito

Asolo, servizio navetta gratuito

Asolo, servizio navetta gratuito

Dal 18 luglio al 26 settembre, tutti i sabati sera, servizio di bus navetta gratuito per i turisti del centro storico. Rimodulati anche gli orari del bus navetta nei giorni festivi

Lascia l’auto al parcheggio ex Ospedale e goditi il centro storico di Asolo fruendo di un comodo trasporto con bus navetta. Dal 18 luglio al 26 settembre, tutti i sabati sera dalle 20.30 alle 23, è a disposizione di turisti e visitatori un servizio di bus navetta gratuito: partenza ogni 15 minuti dal parcheggio pubblico dell’ex Ospedale in via Forestuzzo e arrivo in centro in piazza Garibaldi, da dove poi lo “shuttle” riparte per il percorso di ritorno. Il servizio, svolto su iniziativa e a carico dell’Amministrazione comunale, intende in questo modo agevolare l’accoglienza logistica dei visitatori nella serata “clou” del fine settimana.

Contestualmente, l’Amministrazione ha anche provveduto a modificare gli orari del servizio di bus navetta da e per il centro storico nei giorni festivi, venendo incontro alle esigenze dei cittadini residenti. Al mattino, il bus navetta festivo partirà allo scadere di ogni ora, dalle 8 alle 12, dal punto di partenza del parcheggio Ca’ Vescovo, con percorso Ca’ Vescovo-ex Ospedale-centro storico e ritorno. Al pomeriggio invece, dalle 14.30 alle 19.30, le corse saranno cadenzate ogni 20 minuti, con partenza da Ca’ Vescovo e arrivo alla Cipressina. 

Si raccomanda di controllare i nuovi orari nelle tabelle affisse alle fermate. Il costo del biglietto per il servizio festivo è di 1,50 €, con validità di 100 minuti. Per informazioni di servizio chiamare il numero 368 282232. 

“Ad Asolo sono riprese le aperture dei musei e dei monumenti, stanno aumentando le visite e i flussi turistici – commenta il Sindaco Mauro Migliorini -. Con la riorganizzazione del trasporto pubblico effettuato dal bus navetta rendiamo più confortevole il servizio e facilitiamo l’accesso al centro storico di uno dei borghi più belli d’Italia, abbracciando appieno un principio cardine di Cittaslow come il miglioramento della qualità della vita nella città, rallentandone il ritmo generale nell’uso degli spazi e nel flusso del traffico.”

Edizioni