« Torna indietro

Operazione Luna-Park

Operazione Luna-Park, si “divertivano” a sottrarre i soldi del parcheggio di Piazza Garibaldi ai danni di Metropark (VIDEO)

Un gruppo di 10 persone, tra cui anche personale di AM Parking, aveva escogitato un sistema per frodare Metropark, la società che gestisce i parcheggi in zona Piazza Garibaldi.

La Polizia Ferroviaria, dopo una lunga attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha smascherato un sistema di frode ai danni dei Metropark, società che gestisce i parcheggi in prossimità della stazione di Piazza Garibaldi.

Il gruppo di 10 responsabili, tra cui anche dipendenti di AM Parking (società che è stata sottoposta a sequestro preventivo ed in Amministrazione Giudiziaria in quanto ritenuta collegata al clan Contini), agiva secondo uno schema ben consolidato, incassando di fatto i proventi dell’area parcheggio che gestiva come se fosse propria.

Uno dei truffatori entrava nel parcheggio col proprio veicolo e, dopo aver preso il biglietto, usciva accodandosi ad un altro veicolo e quindi senza annullare il biglietto. Lo stesso ticket veniva utilizzato in un secondo momento per fare uscire un altro automobilista al quale, al momento di pagare, veniva indicato un malfunzionamento della macchinetta. L’ignaro conducente, per poter uscire dal parcheggio, pagava direttamente ad alcuni operatori truffatori all’interno di un ufficio poco distante.

Nel filmato sottostante è possibile capire in che modo agivano i truffatori che, in questo video specifico, addirittura costringevano un automobilista ad effettuare due volte la manovra di accesso per appropriarsi di un ticket da utilizzare per la frode.

Questo sistema fruttava al gruppo la bellezza di circa 5/6 mila euro mensili, da cui è stato tratto il nome Operazione Luna-Park, poiché per i malfattori era diventata una vera cuccagna.

Edizioni