« Torna indietro

Redentore: La “notte famosissima” nel rispetto della sicurezza

In occasione della Festa del Redentore, che si svolgerà domani, sabato 18 luglio, sono state emesse una serie di ordinanze da parte della Polizia locale, del Settore Mobilità e Trasporti del Comune di Venezia e della Capitaneria di porto, per permettere lo svolgimento della manifestazione in sicurezza.

In occasione della Festa del Redentore, che si svolgerà domani, sabato 18 luglio, sono state emesse una serie di ordinanze da parte della Polizia locale, del Settore Mobilità e Trasporti del Comune di Venezia e della Capitaneria di porto, per permettere lo svolgimento della manifestazione in sicurezza.

Il Comando della Polizia locale ha regolato l’organizzazione delle tradizionali tavolate all’aperto, nel rispetto del distanziamento sociale dovuto all’epidemia Covid-19 e con l’invito a privilegiare l’utilizzo di stoviglie durevoli o biodegradabili, così da ridurre l’impronta ambientale e rispettare gli impegni che il Comune di Venezia ha assunto aderendo alla campagna “Plastic free challenge”.

La disposizione tutela anche la circolazione pedonale, prevedendo la possibilità di dirottare il traffico pedonale e organizzarlo con l’istituzione di sensi unici e di temporanei obblighi e divieti e inibendo l’accesso nelle zone dove la presenza e il transito di persone potrebbe creare pericolo alla pubblica utilità.

Inoltre è concesso l’ormeggio lungo le rive pubbliche in Canal Grande – sempre garantendo il distanziamento tra i natanti, la distanza a bordo e la sicurezza della navigazione – per assistere ai quattro “freschi notturni” che partiranno dalla stazione ferroviaria, toccando Punta della Dogana fino a raggiungere la zona della Giudecca.

Vai all’ordinanza integrale

La viabilità acquea in Canal Grande è invece regolata dall’ordinanza emessa dal Settore Mobilità e Trasporti della Direzione comunale Servizi al cittadino e imprese. Il transito è consentito eccezionalmente a barche fino a 11 metri, ma rimane vietato per kayak, tavole a remi e vela, pedalò, canotti, ecc., mentre l’ormeggio lungo le rive sarà limitato alla durata degli spettacoli.

Vai all’ordinanza integrale

La Capitaneria di porto di Venezia ha disposto infine che, nei tratti di propria competenza – in particolare in Bacino San Marco, nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca – la massima velocità consentita alle imbarcazioni, ad eccezione dei mezzi delle forze dell’ordine e di pronto soccorso, è ridotta a sette chilometri orari. E’ inoltre vietato collegare tra loro barche, sia in fase di ormeggio che durante la manifestazione e le persone a bordo delle imbarcazioni dovranno mantenere il distanziamento sociale.

Edizioni