« Torna indietro

Castelfranci – Lonardo: no alla candidatura imposta di Caldoro, non vogliamo essere subalterni alla Lega

Castelfranci – (intervista integrale nella sezione video) Tanti esponenti di Forza Italia non condividono la linea del partito, che non discute di nulla ed è subalterno alla Lega. Martusciello, invece di fare polemica con me e con chi la pensa come me, facesse politica e cercasse di comprendere il disagio di chi oggi sta in Forza Italia.

Il senatore Sandra Lonardo, ospite all’incontro elettorale organizzato ieri sera (19 luglio 2020) dalla lista “Noi campani con De Luca” a Castelfranci rilancia le ragioni della scelta di campo ed attacca chi, in Forza Italia, ha imposto la candidatura di Caldoro. “In tempi non sospetti ci siamo espressi negativamente rispetto alla candidatura di Caldoro, che – per quanto ci riguarda è una ottima persona – ma non può essere un candidato vincente. Abbiamo commissionato un sondaggio, finanziato con i nostri soldi, ed il risultato è stato che Mara Carfagna era la più gradita al 44 percento, mentre Caldoro era al 40 percento insieme a Clemente Mastella, con la differenza che Caldoro proveniva da un partito che lo sosteneva, Mastella era isolato. Si potevano organizzare le primarie oppure avviare una discussione interna al partito, ma non hanno voluto dialogare su nulla – ha sottolineato Lonardo – e quindi, rispetto al disagio che abbiamo nei confronti della Lega, l’onorevole Mastella – grazie alla sua storia e ai tanti amici che tiene dappertutto – è riuscito a mettere insieme una lista in appoggio a chi, evidentemente, ha idee molto più aperte ed accoglienti.

Non sono la prima e purtroppo non sarò nemmeno l’ultima che sta assumendo un atteggiamento di contrasto con il partito, perché sta portando avanti una linea che non piace a tutti i parlamentari. La subalternità alla Lega non piace, a noi piace l’idea del partito moderato, fatto di valori, che ha consentito a Silvio Berlusconi di diventare uno statista. Invito, ancora una volta Fulvio Martusciello, a valutare cosa sta accadendo nel partito, piuttosto che fare polemiche con me o con altre persone del partito. Facesse politica e capisse qual è il disagio di chi in questo momento sta in Forza Italia.

Ringrazio la mia capogruppo, Anna Maria Bernini, per le parole che ha voluto spendere in mio favore – ha concluso – mi ha detto che devo restare nel partito ed io resto, ma mi sono autosospesa proprio per seguire la campagna elettorale”.

x