« Torna indietro

Beppe Gambetta

Ph Donato Aquaro

Festival di Nervi, Beppe Gambetta: presenta l’album”Dove Tia O Vento”

Beppe Gambetta, ieri sera, ai Parchi di Nervi presenta il suo ultimo album

Nervi – Il nuovo album “Where the wind blows/Dove tia o vento” di Beppe Gambetta, una delle figure più prestigiose e autorevoli della chitarra internazionale, è stato presentato, ieri sera, in occasione del Festival Internazionale del Balletto e della Musica-Nervi 2020 in sinergia con straordinari musicisti come Giovanni Ricciardi al violoncello, Riccardo Barbera al contrabbasso e Marco Fadda alle percussioni. Dieci canzoni dove l’artista genovese, visibilmente emozionato per il ritorno sul palco, dopo sei mesi di fermo della musica, si scopre e riscopre songwriter, cantante e chitarrista elettrico.

Beppe Gambetta: fare musica per lui

“Perché in definitiva fare musica significa ascoltarsi dentro e mettersi costantemente alla prova: “Il mio percorso è iniziato come chitarrista acustico innamorato della musica americana – spiega Gambetta-  con il tempo sono nati il viaggiatore, il ricercatore, il cantante, l’arrangiatore, il tecnico del suono, il produttore di spettacoli, l’insegnante e oggi il chitarrista elettrico e il cantautore. Fino ad ora provavo una forma di pudore e riservatezza che mi impediva di scrivere canzoni. Con questo lavoro sono riuscito a superarla e ora aspetto il giudizio di chi vuol bene alla mia musica per decidere se potrò continuare anche in questa direzione”.

Beppe Gambetta, finalista alle Targhe Tenco 2020 con “Dove Tia O Vento”, come miglior canzone, è fortemente legato alla Superba, alla quale dedica il premio, con tutte le emozioni e i ricordi che lo uniscono alla città e agli eventi vissuti.

Beppe Gambetta: l’album Dove Tia O Vento

L’album Where The Wind Blows esce a tre anni di distanza da Short Stories, ancora una volta con Borealis Records. La collaborazione con l’etichetta canadese non è che uno delle tessere del mosaico che nasce intorno alla vita artistica di questo straordinario chitarrista: nato a Genova, in costante contatto con il territorio, ma anche con la musica e le professionalità nordamericane, che lo fa apprezzare a livello mondiale, in anni di carriera ha sintetizzato il suo amore per la musica americana – country, bluegrass, folk, blues – e quello per i padri, a partire da Fabrizio De André.

La scelta del genovese per alcuni brani, evidenzia la sonorità poetica e mediterranea della nostra lingua, un omaggio alle sue radici e il punto di partenza per un percorso a ritroso, che ha portato alla riscoperta di alcuni brani scritti negli anni passati. Ecco alcuni titoli che il pubblico nerviese, che ha riunito, ieri sera, quasi 400 persone, ha scoperto nella suggestiva cornice dei parchi: Lament, Fighting While We Can, Wise Old Man, Sunrise Melody, Forget About Me Not un lavoro, in parte autobiografico, che abbraccia canzone d’autore, folk-rock, blues, flatpicking e Mediterraneo.

x