« Torna indietro

Aule scolastiche, 230mila euro da spendere ma forse non basteranno

Fra un mese e poco più ritorneranno a scuola i ragazzi. Aule scolastiche, 230mila euro da spendere ma non basteranno

Il ritorno a scuola dei ragazzi fornisce qualche giustificata preoccupazione. Il rispetto delle misure anticontagio richiede nuove opere da realizzare. L’Ufficio tecnico del Comune di Civitanova Marche sta pianificando gli incontri in tutti gli istituti scolastici per calendarizzare i lavori sia all’esterno che dentro le scuole in vista della ripresa delle lezioni il 14 settembre.

L’assessore ai Lavori pubblici, Ermanno Carassai, ha inviato i tecnici del Comune per procedere in questi giorni ai sopralluoghi nei plessi e incontrare i dirigenti scolastici per valutare ogni intervento necessario.

“Stiamo verificando, sulla base delle ultime disposizioni nazionali, i lavori da portare a compimento. E’ intenzione di questa Giunta  iniziare i primi lavori di ristrutturazione nei primi giorni di agosto per consegnare le aule in tempo. La maggior parte delle richieste riguardano l’ampliamento delle stanze che dovranno accogliere gli studenti e quindi la demolizione dei divisori e la sistemazione di alcuni bagni. Inoltre ci stiamo attivando per trasferire le suppellettili non utilizzate che saranno momentaneamente accantonate e poi riconsegnate alla fine dell’emergenza sanitaria”. 

L’assessore Carassai riferisce che il Comune di Civitanova ha ottenuto un finanziamento di 230 mila euro dal Ministero, una somma stabilita in base al numero della popolazione scolastica. Soldi che potrebbero non bastare per tutto.

Martedì prossimo ci sarà un incontro con il responsabile della sicurezza, l’ingegner Marchionni, per verificare insieme i lavori da portare a compimento. Il progetto della messa in sicurezza delle scuole a seguito dell’emergenza Covid-19 è stata portata avanti in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione.

Edizioni

x