« Torna indietro

Napoli, protesta disabili. Interviene il presidente della “Anida” Giuseppe Sannino

ANIDA ONLUS: Il Presidente della Regione Campania De Luca nei mesi precedenti ha annunciato a più riprese lo stanziamento di un Miliardo di euro per l’emergenza Covid.
Entrando nel merito per quanto ci riguarda destina parte di questo miliardo per un bonus ai Diversamente Abili gravi e meno gravi di 600 € in Campania, i disabili campani ammontano a circa 400.000 persone, quindi con un semplice calcolo matematico bisognava stanziare oltre 200 milioni di euro. Ma il Governatore anche lui fa l“ammuina” e stanzia solo il 6 % circa 15 milioni di euro. Delega agli ambiti territoriali in periodo di pieno “lockdown”(Ca gente chiusa a Cas !!) la gestione del bonus.
Le domande potevano essere presentate entro 19 maggio 2020 con una delibera Regionale del 27/04/2020 (“Frijenno Magnanno” in pieno stile De Luca).
All’ambito 18 Casoria Arzano, Casavatore vengono destinate circa 275.000 € (stiamo parlando di 465 beneficiari) su una platea di circa 130.000 abitanti e circa 5.000/6.000 disabili ad oggi ancora non censiti
realmente, nonostante le nostre richieste in questi anni per ottenere dati reali. Ma vi è di più, non solo parliamo di un numero di beneficiari irrisori, ma il processo è stato gestito in una confusione totale, infatti tantissimi Diversamente Abili dell’ambito non hanno avuto notizia di tale beneficio,
tanto è vero che in questi giorni l’A.N.I.D.A. Onlus (presente anche su Casoria) informata da alcuni disabili, si è attivata per vederci chiaro. Il Presidente Sannino, prima chiama alcuni Consiglieri di Minoranza e Maggioranza per saperne di più, ma sembra che ne sapessero meno di lui, allora decide di chiamare l’Assessore alle Politiche Sociali di Casoria Ornella Esposito, la quale dopo qualche giorno lo richiama e gli conferma che il bonus è stato destinato a 465 Disabili secondo i criteri stabiliti. Il Presidente chiede dove fossero pubblicati gli elenchi, perché non erano presenti sul sito del comune, e in data 16 luglio l’assessore gli fa pervenire una comunicazione nella quale afferma che sono presenti sull’Albo Pretorio.
L’associazione consulta tale elenco, ma sembrerebbe che siano stati pubblicati solo il 13 luglio 2020 e saranno presenti per 15gg, data che coincide con la richiesta degli elenchi da parte dell’associazione……..

Edizioni