« Torna indietro

Ariano Irpino – Frangipane: riapre l’ostetricia, parte anche l’area Covid. Stamattina la donazione delle ambulanze

Ariano Irpino – Risolto il problema relativo al reparto di ostetricia all’ospedale Frangipane di Ariano Irpino. Lo ha annunciato ufficialmente il direttore generale dell’Asl di Avellino, Maria Morgante, in occasione della inaugurazione delle due ambulanze donate agli ospedali di Ariano Irpino e di Sant’Angelo dei Lombardi, dalla Banca di Credito Cooperativo di Flumeri. Il primo e il 16 agosto saranno attivati i primi due contratti ad altrettanti professionisti che saranno impegnati in ostetricia, il terzo contratto partirà dal primo settembre.

Intanto l’Asl intende sottoscrivere una convenzione con l’università Federico II di Napoli per ottenere l’assegnazione di ulteriori professionisti in grado di sostenere le attività tipiche del reparto. Morgante ha confermato che i lavori previsti per adeguare alcuni locali dell’ospedale ad area Covid sono terminati e quindi la tenda del triage sarà smantellata perché gli eventuali pazienti Covid potranno seguire un percorso diverso, che resta nettamente distanziato rispetto a quello attuale che conduce al pronto soccorso. Un’altra novità emersa in occasione dell’incontro tenuto stamattina nel piazzale davanti all’ingresso dell’ospedale, è che la regione Campania ha approvato il progetto relativo alla rianimazione e al potenziamento delle sale operatorie; il direttore generale ha aggiunto che adesso occorre solo il via libera definitivo da parte del ministero. Si tratta di un investimento di 3,6 milioni di euro a riprova della volontà, mai venuta meno, che la sanità pubblica punta al potenziamento dell’ospedale di Ariano Irpino.

La cerimonia di consegna delle ambulanze è stata sobria, ma significativa: Morgante ha sottolineato l’importanza innanzitutto sociale per questa ennesima donazione all’ospedale da parte del territorio ed ha applaudito alla bellissima manifestazione di solidarietà da parte di un privato. La benedizione è stata impartita dal vescovo della diocesi di Ariano-Lacedonia, monsignore Sergio Melillo, coadiuvato da don Ottone Morra. Presenti il direttore dell’ospedale, Angelo Frieri, alcuni operatori sanitari ed i rappresentanti della BCC di Flumeri.

Edizioni

x