« Torna indietro

Messina, arrestati 2 indiziati di rapine e furti in zona sud

Dai due arrestati per rapina e furti all’arrestato per evasione dai domiciliari sino alla donna trovat in possesso di marijuana: la giornata di Polizia e Carabineiri

Due gli arrestati ieri – in esecuzione di ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Messina, su conforme richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini – dai Carabinieri della Compagnia di Messina Sud e dai poliziotti della Questura di Messina. Si tratta di D.B, 28enne e S.F., 50enne, entrambi messinesi, gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di rapina in concorso, porto abusivo di armi, furto aggravato e lesioni personali.

Il provvedimento trae origine da due distinte attività svolte dai militari dell’Arma e da personale della Questura di Messina che hanno permesso di far luce su una lunga serie di episodi delittuosi commessi in città tra la fine del 2018 e gli inizi del 2019, allorquando la zona sud è stata teatro di rapine in danno di esercizi commerciali e privati cittadini nonché di furti in abitazione consumati e tentati. L’esito delle articolate indagini, coordinate dalla Procura peloritana, hanno permesso di raccogliere inequivocabili indizi di colpevolezza nei confronti degli odierni arrestati.

In particolare, i Carabinieri, attraverso diverse comparazioni e accertamenti tecnici, dalle impronte digitale alle riprese di videosorveglianza fino a dichiarazioni di testimoni, hanno ricondotto a D.B.. la responsabilità di una rapina ai danni del pub “The Lion”, sito nel villaggio Tremestieri, di un tentato furto in un’abitazione e della rapina in danno della rosticceria “La Nuova Brace” oltre che di un tentato furto e un furto in due appartamenti del Villaggio Santa Lucia Sopra Contesse.

Le indagini dei nuclei investigativi di Squadra Mobile e Volanti della Questura di Messina, hanno rilevato indizi sulla responsabilità dei  due arrestati per la violenta rapina ad un anziano, e a due panifici e una cartoleria. Ricostruiti dai poliziotti anche due episodi di furto in appartamento: il primo fallito e il secondo messo a segno nella stessa nottata, in presenza dei proprietari dell’immobile che al risveglio hanno notato la porta finestra forzata e il furto di due borselli contenenti carte di credito, documenti e la somma di 5.000, 00 in contanti.

Dopo le formalità di rito il D.B. è stato associato alla Casa Circondariale di Messina Gazzi mentre S.F. è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

41enne di Messina arrestato per evasione dai domiciliari

Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina hanno arrestato C.M.  41 enne di Messina, ritenuto responsabile del reato di evasione.

Nella mattinata odierna, a seguito di richiesta telefonica pervenuta alla Centrale Operativa del Comando Provinciale di Messina, una pattuglia del Nucleo Radiomobile Carabinieri è intervenuta al Mercato Ortofrutticolo di via Marco Polo, dove era stata segnalata la presenza di una persona che infastidiva i venditori. I Carabinieri, sul posto, hanno bloccato ed identificato l’uomo, constatando che lo stesso era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. In particolare, dagli accertamenti svolti dai militari dell’Arma è emerso che questi, nelle prime ore della mattina, si era allontanato dalla sua abitazione, segnalando alle forze dell’Ordine la necessità di recarsi al pronto soccorso del Policlinico ma, dopo l’accettazione, si era allontanato dall’Ospedale recandosi al mercato. Pertanto i Carabinieri hanno arrestato C.M. per evasione dagli arresti domiciliari non essendo giustificabile con le eventuali necessità di salute la sua presenza al mercato.

C.M., questa mattina, è stato condotto presso il Tribunale di Messina ove, all’esito dell’udienza il giudice ha convalidato l’arresto effettuato dai Carabinieri e l’uomo è stato nuovamente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Stazioni sicure, trovata una 40enne in possesso di marijuana

Circa 453 persone controllate, 3 sanzioni elevate e un sequestro amministrativo operato nei confronti di un soggetto trovato in possesso di sostanza stupefacente: è questo il bilancio dell’operazione “Stazioni Sicure”, attuata, nella giornata di ieri, dalla Polizia Ferroviaria della Sicilia, per il controllo straordinario di passeggeri ed ai bagagli e relativi depositi. Nei controlli straordinari,  sono stati impiegati 79 agenti della Polfer che hanno verificato 57 scali FS dell’isola. In particolare, gli agenti della Polfer di Messina unitamente al personale cinofilo della Guardia di Finanza, durante i controlli hanno fermato una donna 40enne che è stata trovata in possesso di sostanza stupefacente probabilmente del tipo “marijuana”, ed è stata segnalata alle autorità competenti.

x