« Torna indietro

Regione Toscana, il Movimento 5 stelle denuncia: indennità ai consiglieri anche durante il lockdown

Regione Toscana, il Movimento 5 stelle denuncia: indennità ai consiglieri anche durante il lockdown

Toscana: sarebbe avvenuto nonostante il lockdown, mentre in Regione tutto taceva e le riunioni attuate erano soltanto virtuali. Lo si scrive su Il Fatto: per 85 giorni i consiglieri della Toscana hanno continuato a percepire l’indennità. Quest’ultima comprende anche il rimborso delle spese di spostamento, per andare dalla propria residenza alla sede istituzionale: cosa che per ovvie ragioni non avveniva, in tutta Italia. Parliamo di una cifra che può raggiungere i 1.600 euro al mese e varia in base ai chilometri percorsi, per un totale di circa 80 mila euro, posto che gli eletti sono quaranta.

Indennità ai consiglieri durante il lockdown: un caso isolato?

Per le Regionali in Toscana le urne saranno aperte 20 e 21 settembre. La candidata governatrice è per M5S Irene Galletti, alle prese con il candidato del centrosinistra Eugenio Giani, attualmente presidente del Consiglio regionale toscano, e con Susanna Ceccardi, che si presenta per il centrodestra. A prescindere dalla campagna elettorale, era stata la consigliera grillina a proporre di sospendere il pagamento: la sua posizione riecheggia la ormai storica linea di partito, che porta come prassi al taglio delle indennità in politica. Aveva devoluto, dal canto suo, la cifra in beneficenza. Sebbene i dati provengano da una parte politica, sebbene arricchiranno certamente le frasi dei comizi elettorali, i dati sono sotto gli occhi della pubblica opinione. Per quanto concerne il Partito democratico, non risulterebbe un atto formale di restituzione. Non sono mancati in generale coloro i quali, percependo l’indennità, la hanno incassata. Altri hanno provveduto invece, da singoli, a contattare associazioni benefiche: in modo da non trattenere somme che non spettavano loro.

Edizioni

x