« Torna indietro

Torino vara un Piano di resilienza per fronteggiare i cambiamenti climatici

La Città di Torino ha varato un Piano di resilienza per fronteggiare i cambiamenti climatici

Il tempo sta cambiando e sempre più velocemente, bisogna perciò essere pronti ad affrontare le problematiche che comportano i cambiamenti climatici. Per questo il Comune di Torino ha varato un Piano di resilienza climatica: l’obiettivo è preparare la città a fronteggiare le criticità che i cambiamenti climatici comportano e preservare al meglio il territorio. L’Arpa Piemonte ha fornito dati inquietanti su come il clima stia cambiando. In appena una decina di giorni di giugno, sul capoluogo è caduta una quantità di precipitazioni pari alla metà di quanto piove in un anno. “La frequenza e la forza degli eventi meteorologici estremi è in aumento e anche Torino negli ultimi anni ne ha subito l’impeto con danni significativi alla città – spiega il Direttore Generale di Arpa Piemonte Angelo Robotto -. Dai dati emerge  come a Torino la temperatura massima salga di ben 0,8 gradi ogni 10 anni. Per quanto riguarda le precipitazioni invece non ci sono variazioni significative nella quantità di pioggia caduta mediamente in un anno, ma si osserva una diminuzione del numero di giorni piovosi e un aumento dei fenomeni di maggiore intensità”. In questo Piano di resilienza climatica – spiega l’assessore alle Politiche per l’Ambiente Alberto Unia – sono contenute le strategie e le azioni che l’amministrazione comunale dovrà mettere in atto per garantire un’elevata qualità della vita e dei servizi a fronte dei cambiamenti climatici futuri”. Il ‘Gruppo di Lavoro’, che ha lavorato a stretto contatto con diversi attori locali, in primis ARPA e Regione Piemonte, ma anche le Università torinesi e la Smat, ha identificato le principali vulnerabilità del territorio e individuato una serie di misure di adattamento a breve e lungo termine definendo una serie di azioni (complessivamente circa 80) finalizzate a ridurre gli impatti causati principalmente dalle ondate di calore e dagli allagamenti, che, rappresentano i principali rischi connessi ai cambiamenti climatici a cui è esposta la città.

Edizioni

x