« Torna indietro

Migranti positivi a Pettorano sul Gizio: l'intervento di Gamal Bouchaib (Sinistra italiana)

Migranti positivi a Pettorano sul Gizio: l’intervento di Gamal Bouchaib (Sinistra italiana)

Gamal Bouchaib, responsabile per l’Immigrazione e il Sociale di Sinistra italiana, si è espresso in merito alla situazione riscontrata a Pettorano Sul Gizio. Queste le sue parole. “Malgrado le rassicurazioni, sul caso Pettorano sul Gizio, dell’assessore regionale Nicoletta Verì (in quota Lega) e del manager della Asl Avezzano Sulmona L’Aquila Roberto Testa, espressione della maggioranza di destra in regione di cui fa parte la Lega, quest’ultima continua a fare propaganda sui migranti e addirittura sul rischio Covid, senza conoscere i problemi. La Lega ormai fa a gara con se stessa. Alla prima occasione ricomincia lo scarica-barile, moneta della Lega, buttando colpe sul Governo, sui migranti o sui confini semi-permeabili. Il trucco, quando arriva un problema, è farsi trovare sempre da un’altra comoda parte. Al Governo si deve anche chiedere di lavorare di più, certo, ma a 360 gradi, controllando per esempio anche gli arrivi dagli Stati Uniti, dall’Australia, dal Canada che fanno scali intermedi: non soltanto chi arriva con un barcone di fortuna, addirittura espletando tutti i dovuti obblighi sanitari richiesti dalle autorità nazionali, una volta toccata terra. Ci si sveglia improvvisamente additando i rischi e chiedendo che ci pensi il Governo: diversamente, sarebbe colpa sua. Utile e indispensabile è che si capisca una volta per tutte che il Covid va gestito, che occorre informare e attrezzare la comunità, in modo che possa vivere con questo rischio e controllarlo, smettendo di considerarlo un’arma di propaganda.
Nel caso specifico di Pettorano sul Gizio il Deputato D’Eramo, che si rivolge al Prefetto, ignora (forse) che sono proprio le Prefetture (alle quali vanno i ringraziamenti di Si per l’impegno profuso da anni in questo campo) che collocano i migranti dopo ampie certificazioni serrate, non solo sui controlli sanitari, ma anche in merito a specifici percorsi di ogni migrante.
Sono stati adottati tutti i Trattamenti precauzionali: nel caso specifico, anche nei confronti degli operatori della struttura che ospita i migranti, dove gli stessi richiedenti asilo stanno osservando la quarantena obbligatoria, senza alcun contatto con la popolazione.
È pura distrazione di massa della Lega, ormai, che si cerchi in questa occasione di grande crisi del comune dell’Aquila, provocata dalla Lega con importanti riflessi sulla Regione, cui si aggiungono le elezioni di Avezzano e Chieti, alzare il polverone sui pochi migranti, tenuti sotto controllo serrato dalle istituzioni per la sicurezza sanitaria”.

Edizioni

x