« Torna indietro

Pederobba, il piano del Comune per recuperare aule scolastiche

Saranno recuperate aule della secondaria di Onigo con lavori di raschiatura, stuccatura e tinteggiatura

Pronte ad accogliere alunni e studenti in sicurezza

______________________

La Giunta comunale, su proposta della vice-sindaca con referato all’Istruzione, Sabrina Moretto, ha approvato gli interventi di adeguamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche dell’Istituto Comprensivo di Pederobba.
«Per dare applicazione alle indicazioni ministeriali  – dichiara la Vice-Sindaca di Pederobba – con l’Ufficio Lavori Pubblici e con l’Ufficio Legale abbiamo lavorato in ottima sinergia con la dirigente scolastica Fuson, definendo una serie di interventi di adeguamento delle aule didattiche all’interno degli edifici attuali per recuperare l’utilizzo di ulteriori spazi.

In particolare, oltre ad organizzare la mensa scolastica per gli allievi di Pederobba su due turni, i lavori di adeguamento alle misure idonee e funzionali al contenimento del rischio da Covid-19 – continua la Vice-Sindaca – consisteranno innanzitutto nel recuperare uno spazio oggi destinato al personale ausiliario nel plesso di Pederobba capoluogo per destinarlo ad un’aula didattica creando, poi, una sorta di reception all’entrata.

Nella secondaria ad Onigo, invece, utilizzeremo le aule piuttosto capienti originariamente destinate ai laboratori di scienze e pittura per ricavare due classi particolarmente numerose. Ci sarà la fornitura e l’installazione di una nuova lavagna multimediale. Recupereremo una serie di aule della secondaria di Onigo con impegnativi lavori di raschiatura, stuccatura e tinteggiatura. Posizioneremo sistemi di sicurezza su molti infissi che durante la giornata dovranno rimanere aperti permettendo l’areazione dei locali e posizioneremo una struttura fissa coperta nel cortile della primaria ad Onigo per permettere l’accesso scaglionato all’ingresso della scuola evitando assembramenti degli alunni, ma anche fornendo stabilmente uno spazio idoneo ad attività didattiche e laboratoriali all’aperto nelle giornate in cui il clima lo permetterà.

Abbiamo investito – conclude la Moretto – il doppio di quello che il Ministero ci ha riconosciuto con i Fondi europei dedicati alla ripartenza, ma – con l’aiuto della dirigente – abbiamo garantito alle nostre classi spazi idonei e sicuri senza operare smembramenti o penalizzazioni che, di certo, compromettono sia la didattica che la dinamica relazionale che si crea all’interno di una stessa classe».

L’importo totale per l’esecuzione degli interventi è di quasi 60 mila euro che troveranno copertura finanziaria per 28 mila euro nelle risorse relative al PON “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento 2014-2020″ e, per i restanti, nel bilancio comunale.

Edizioni

x