« Torna indietro

Notte delle stelle cadenti

Notte di San Lorenzo a Genova: l’Osservatorio astronomico del Righi riapre al pubblico.”E quindi uscimmo a riveder le stelle”

Notte di San Lorenzo 2020 a Genova: l’Osservatorio astronomico del Righi riapre al pubblico

Genova – Si avvicina la Notte di San Lorenzo 2020, quella dove, fin da bambini, si esprimono i desideri scorgendo le stelle cadenti. Le Perseadi, con le loro scie luminose, graffiano il buio del cielo. Anche a Genova, sul mare o dalle alture a ridosso della città come l’Antola o il monte Fasce, si possono ammirare le lacrime di San Lorenzo, uno degli spettacoli più affascinanti che il cielo estivo possa offrire.

Notte delle stelle cadenti: Osservatorio astronomico del Righi

“E quindi uscimmo a riveder le stelle” è uno dei versi più noti dell’intera Commedia dantesca. È il verso 139, l’ultimo, del canto XXXIV dell’Inferno. Ma, oggi, lo si riferisce al fenomeno delle Perseidi, tradizionalmente legato alla Notte di San Lorenzo, che quest’anno cade lunedì 10 agosto 2020, sebbene, in realtà, in questo periodo, ogni notte è buona per andare a caccia di stelle cadenti. Nell’estate 2020, le Perseidi dovrebbero essere ben visibili per tutto il mese di agosto, però sembra che il picco di stelle cadenti sia atteso mercoledì 12 e giovedì 13 agosto.

Per l’occasione, l’Osservatorio astronomico del Righi riapre al pubblico per le Notti delle stelle cadenti: lunedì 10, martedì 11 e mercoledì 12 agosto ore 21.30 e ore 23.30 (prenotazione obbligatoria con pagamento anticipato al link: eventbrite.it/e/biglietti-le-notti-delle-stelle-cadenti).

La visita sarà composta da un pacchetto unico articolato su tre diverse attività:

–   Animazione al planetario: sui pianeti giganti del Sistema Solare, Giove e Saturno;

–   Special full dome: un’animazione basata su un argomento specifico o sul tema astronomico della giornata (le sere del 10, 11 e 12 agosto la proiezione riguarderà prevalentemente le stelle cadenti e sotto la cupola del Planetario apparirà una “pioggia virtuale” di meteore)

–  Osservazione collettiva degli astri in modalità live sky: l’osservazione al telescopio non avverrà più individualmente mettendo l’occhio all’oculare, ma proiettando su uno schermo l’immagine dei corpi celesti che saranno ripresi da una videocamera astronomica collegata al telescopio.

Queste tre attività, di circa 30 minuti l’una, saranno prenotabili in blocco tramite la piattaforma Evenbrite.

Dato che le attività sono tre, complessivamente la capienza per ogni turno di visita sarà di 36 persone, divise in tre gruppi da 12 persone che svolgeranno le attività in parallelo. Ciascun gruppo effettuerà le tre attività con una sequenza diversa, non essendo fra loro collegate da un ordine propedeutico preciso.

Osservatorio Astronomico del Righi: misure anti-covid

Sempre al fine di evitare assembramenti l’orario a cui attenersi per presentarsi in Osservatorio è un quarto d’ora prima dell’inizio del turno (pertanto le 21.15 per i turni delle 21.30 e le 23.15 per i turni delle 23.30).

Per nuclei famigliari, congiunti e per persone non soggette agli obblighi di distanziamento sociale, è anche possibile prenotare esclusivamente Una notte all’Osservatorio in serate diverse da quelle di apertura pubblica. Questo tipo di prenotazione si effettua telefonicamente ai numeri 347 5859662 e 349 6109467 ai quali si possono richiedere anche informazioni su modalità, orari e costi di questa tipologia particolare di attività che prevede, fra l’altro, anche l’osservazione individuale all’oculare del telescopio.

x