« Torna indietro

JESOLO, RISORSE STRAORDINARIE PER AIUTARE CHI È SENZA LAVORO E REDDITO

Approvata dalla giunta comunale l’integrazione dei fondi regionali per aiutare le famiglie in difficoltà economica a causa del Covid-19. Le risorse salgono così a 130.000 euro destinate a diverse iniziative per il sostegno all’abitare, al reinserimento lavorativo e sociale

La Giunta comunale ha deliberato l’integrazione, con ulteriori 100.000 euro, dei fondi messi a disposizione dalla Regione del Veneto per finanziare le attività legate al progetto regionale del Reddito di Inclusione Attiva (R.I.A.), portando a 130.000 euro le risorse a disposizione. Il provvedimento prevede l’erogazione di un contributo massimo di 800 euro per un periodo non superiore a tre mesi e sarà l’Ufficio Politiche Sociali a gestire le richieste sulla base dei requisiti richiesti dalla normativa che prevedono tra l’altro la residenza nel comune, un patrimonio mobiliare non superiore a 2.585 euro, e un patrimonio immobiliare corrispondente alla sola casa di abitazione.

“Le misure predisposte per contrastare la diffusione del contagio stanno ancora determinando un forte impatto sull’economia delle famiglie, in particolare quelle a maggior rischio di disagio economico. È quindi necessario garantire in questa fase temporale un sostegno economico straordinario alle famiglie di lavoratori dipendenti o autonomi che in conseguenza dell’emergenza COVID-19 abbiano visto una diminuzione significativa del loro reddito – commenta l’assessore alle Politiche Sociali della città di Jesolo -. Nella prima fase del lockdown abbiamo gestito 755 domande per l’assegnazione dei buoni spesa, coordinato e distribuito, con collaborazione Caritas parrocchiali, circa 200 pacchi spesa a 150 famiglie che si sono trovate in difficolta. Ora dobbiamo assicurare risposte più strutturate e meno emergenziali tramite lo stanziamento di risorse per contribuire in parte al pagamento delle spese per il sostentamento familiare. Quelle che abbiamo messo a disposizione serviranno prevalentemente a sostenere le spese per l’affitto e per il pagamento delle utenze”.

Edizioni

x