« Torna indietro

Dare una mano

Dare una mano

Teniamoci per mano con l’Angelo degli ultimi. Il volontariato non va in ferie

Teniamoci per mano con l’Angelo degli ultimi. Il volontariato non va in ferie e chiede il vostro aiuto

Il volontariato non va in ferie ma, serve una mano.

Sembra scontato dirlo ma, a quanto pare, ripeterlo è necessario e soprattutto offrire lo slancio per quanti vogliano contribuire ad aiutare il prossimo in difficoltà diventa essenziale, soprattutto, in questo periodo dell’anno. Perchè questo è il punto. C’è bisogno di aiuto

L’Angelo degli Ultimi, è appunto una delle strutture di volontariato che sostiene a sua volta, la struttura di accoglienza per gli amici senza fissa dimora, La Casa del Sorriso, che anche e soprattutto in questo caso, non chiude per ferie, così come l’attività in strada condotta quotidianamente dall’associazione.

Arriva però un appello da parte della presidente dell’associazione L’Angelo degli ultimi, Antonietta D’Albenzio, perhè “sono questi giorni difficili, con le vacanze estive in corso, la città si svuota, com’è facile immaginare, e le raccolte sono diminuite drasticamente. Le riserve dell’associazione sono infatti al lumicino”.

Come e cosa donare

Ed ecco che l’appello a donare è rivolto a tutti i cittadini che ancora sono in città: generi alimentari, in particolare i freschi che in questo periodo davvero scarseggiano, frutta e verdura, secondi piatti, ma anche detersivi, saponi e prodotti per l’igiene personale, abbigliamento leggero.

“Come sempre dico, se proprio non potete aiutarci, comprate per voi l’intimo nuovo e donate a noi il vostro usato, ne faremo buon uso – precisa Antonietta D’albenzio – e non mi stancherò mai di invitare le persone a provare ad essere Volontari per Un Giorno, potrebbe essere un aiuto momentaneo per noi o un’esperienza che cambierà le vostre prospettive”. 

Chiunque voglia sostenere l’associazione con delle donazioni, offerte, o raccolte, vi ricordiamo che la struttura La Casa del Sorriso si trova in Via Domenico Mondo 1, accanto al Bowling.

Un lavoro continuo anche durante il lockdown

“Devo dire che le persone ci sono molto vicine, hanno sempre risposto con slancio e affetto alle nostre richieste – spiega – e durante il periodo del Covid e della quarantena in tanti ci hanno sostenuti. Ma non è difficile capire che la gestione di una struttura assistenziale come la nostra è davvero complicata. 

Qui si mangia due volte al giorno, il pranzo per gli stanziali e la sera arriviamo anche a 50 persone, per non parlare di quelli che passano a prendersi il pasto a sacco pur non fermandosi. E poi c’è il servizio docce, i clochards si lavano, lasciano gli indumenti sporchi e prendono il cambio che ovviamente gli facciamo trovare pulito, abbigliamento, indumenti intimi, scarpe, di tutto”.

L’Angelo degli Ultimi non si è fermato davvero un momento nemmeno durante il lockdown periodo in cui i volontari erano in strada ogni giorno a sostenere i senza tetto, che a causa dell’isolamento erano completamente tagliati fuori da ogni soccorso. E le iniziative tuttora non si fermano, così come le relazioni con le altre associazioni che si industriamo per portare il proprio supporto.

Teniamoci per Mano accanto a l’Angelo degli Ultimi

Lo scorso sabato, poi, l’associazione Teniamoci per Mano, distretto di Caserta, ha trascorso una serata allietando i ragazzi con la presenza dei clown che hanno servito a tavola e speso del tempo con loro.

“E’ stato bello – ci ha raccontato Emma Farina riferimento dell’associazione – noi di solito siamo in ospedale ma ad oggi ancora non ci è possibile andare in corsia e quindi abbiamo deciso di donare il nostro tempo a chiunque altro ne avesse bisogno, perchè tutti hanno bisogno di un sorriso ogni tanto. Anzi, stiamo pensando in che modo poterci rendere ancora disponibili con gli amici clochards”.

x