« Torna indietro

Positivo a Caserta

Positivo a Caserta

A Caserta un nuovo positivo, al via l’isolamento per altre 6 persone

Tre i positivi in provincia di Caserta, attestati dall’Asl cittadina. Un nuovo positivo si registra a Caserta città. Era già sotto osservazione e ora il tampone ha dato esisto positivo. Ora è in isolamento.

Il numero totale dei tamponi processati oggi è 146 e le persone in quarantena oggi sono 125, 6 più di ieri.

Un nuovo positivo a Caserta
La curva epidemica dall’Asl

Intanto arrivano gli aggiornamenti da Teano ed è il sindaco, Dino D’Andrea, a fare il punto e a chiarire tutti i retroscena:

“Riscontrato 1 kit positivo per IGM in attesa dell’esito del tampone ad una bambina di due anni che presenta sintomi da Covid-19 parente ma non dello stesso nucleo familiare dei due giovani positivi.

Sono 57 i tamponi negativi, 1 tampone positivo ad una donna di circa 60 anni, appartenente al nucleo familiare succitato.

I tamponi ai titolari ed ai dipendenti dell’attività commerciale oggetto degli articoli di stampa sono tutti negativi, per cui oltre ai test rapidi eseguiti non saranno effettuati ulteriori indagini ai presunti contatti di cittadini-clienti dell’attività, in quanto il rischio di contagio pregresso è zero. Il locale nella notte di ieri è stato sanificato”.

Ancora confusi e smarriti i casertani, di fronte ai nuovi casi e soprattutto dinanzi agli atteggiamenti da adottare. C’è chi indossa la mascherina a prescindere, anche per strada e chi anche al chiuso continua a non prestare attenzione se essa sia sopra o sotto il naso.

C’è chi va in vacanza, convinto che, al di fuori del proprio ambito, il virus si dimentichi di circolare e poi si sa, siamo in vacanza, c’è chi pensa che sia necessario “staccare il pensiero da tutto”. Ma non è così. Le regole esistono. Vanno rispettate. Per se stessi e per gli altri. Le distanze. Le mascherine. Il lavaggio delle mani ma, nel contempo, la vita deve scorrere. Tutto, però, nella reciproca tutela. A prescindere. Ma oggi ci stiamo perdendo nei nostri egoismi. Nelle nostre paure.

Intanto le persone continuano ad andare in vacanza all’estero e le città italiane boccheggiano per la mancanza di stranieri che vengono ad investire nelle nostre città.

Invece di stringerci ai nostri tesori, instancabilmente, andiamo oltre confine. E al ritorno la conferma. Tanti. Troppi positivi per negligenza e imprudenza. Ci auguriamo che al più presti si possa tornare alla normalità, con un vaccino o con la scomparsa del virus ma, quello che poi ci toccherà fare è un punto concreto su come ci siamo comportati in questo periodo. Una valutazione è indispensabile. Perchè se continuiamo così, sicuramente perderemo di vista l’essenziale. Il nostro essere, esseri umani.

Edizioni

x