« Torna indietro

-classe-dei-banchi-vuoti

Scuola, l’appello dei presidi: manca la data di consegna dei nuovi banchi, dubbi sulle procedure in caso di contagi e sulla responsabilità penali dei dirigenti scolastici

L’appello dei presidi italiani: “a oggi non è nota la data di consegna dei banchi monoposto per il nuovo anno”

I presidi italiani, da settimane in procinto di organizzare la riapertura degli istituti per garantire un rientro a scuola in sicurezza, lanciano il loro appello: a oggi infatti non è nota la data di consegna dei banchi monoposto per il nuovo anno scolastico.

Scuola: la dichiarazione del presidente Associazione nazionale presidi sulla data di consegna dei nuovi banchi

“Non si devono vanificare gli enormi sforzi profusi dai Presidi, dai loro collaboratori, dal Ministero e dai suoi uffici territoriali, dagli enti locali affinché la ripartenza avvenga per tutti nella massima sicurezza”- dichiara Antonello Giannelli, presidente dell’Anp (Associazione nazionale presidi). Che continua: “Ora, per esempio, i Dirigenti chiedono di conoscere con urgenza il calendario di consegna dei banchi monoposto. Non è possibile che lo vengano a sapere all’ultimo momento: l’organizzazione richiede tempo”.

Scuola: dubbi sulle procedure in caso di contagi e le responsabilità penali per i dirigenti scolastici

Dubbi anche sulle procedure in caso di contagi a scuola: “Se ci sarà un caso positivo all’interno di una scuola bisognerà valutare la chiusura dell’istituto solo di concerto con l’autorità sanitaria, cioè la Asl, e dopo avere valutato le circostanze. Non ci possono essere regole generali né ci si può affidare esclusivamente a parametri numerici” .

E ancora, incalza: “È impensabile che la mascherina sia l’unica arma di difesa dal contagio, perché sappiamo benissimo quanto sia faticoso, per gli alunni e per il personale, indossarla per ore”.

Altro tema caldo, ripreso dal presidente del’Anpi, è quello della responsabilità penale in capo ai dirigenti scolastici: “Abbiamo chiesto, prima della riapertura delle scuole, di rivedere la responsabilità penale imputabile ai dirigenti scolastici in relazione alla sicurezza sugli ambienti di lavoro. La pandemia di COVID-19 è equiparata a un incidente sul lavoro. Se il dirigente scolastico attua il protocollo sanitario allora non gli si deve imputare nulla”. Inoltre:”Non parliamo di scudo penale – conclude – perché quello fa riferimento a soggetti che hanno commesso reati, e i presidi non sono delinquenti o malfattori”.

Se la riapertura delle scuole, in calendario il prossimo 14 settembre è un imperativo, una priorità assoluta del governo e di tutto il Paese, lo è, altrettanto, quella di non essere costretti, poi, a richiuderle…

x