« Torna indietro

Perdonanza: L'Aquila torna palcoscenico internazionale

Perdonanza, 726esima edizione: confermati tutti gli appuntamenti

Saranno complessivamente 2.609 i posti disponibili per assistere agli eventi della Perdonanza Celestiniana dell’Aquila, che prenderà il via domenica 23 agosto. L’ordinanza del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e le risultanze delle numerose riunioni del Comitato di ordine e sicurezza pubblica – l’ultima proprio stamani – hanno permesso di derogare al limite dei mille posti stabiliti dalla normativa nazionale di emergenza Coronavirus per gli spettacoli all’aperto.

Il dettaglio dello svolgimento degli eventi è stato illustrato oggi pomeriggio nella sede comunale di Palazzo Fibbioni dal sindaco e presidente del Comitato Perdonanza, Pierluigi Biondi, dal vice sindaco e coordinatore del Comitato, Raffaele Daniele, e da Maurizio Ardingo, che ha redatto i piani di sicurezza.

I grandi eventi. Per le serate del 23 agosto (inaugurazione della Perdonanza), 25 agosto (concerto di Antonello Venditti) e 30 agosto (quando Andrea Morricone dirigerà l’orchestra del padre Ennio, premio Oscar e concittadino onorario dell’Aquila, scomparso qualche settimana fa), dei 2.609 posti fruibili per ogni evento, 1.676 saranno al piazzale di Collemaggio, 683 a piazza Duomo, 250 alla Villa comunale, due sedi dalle quali potranno essere seguite le performance di Collemaggio attraverso mega schermi. I posti dovranno essere tutti prenotati attraverso un portale raggiungibile da un link posto nella pagina iniziale di questo sito internet e nel programma della Perdonanza. Per l’evento del 23 agosto (serata inaugurale con l’accensione del tripode della pace e con lo spettacolo con tanti artisti e cantanti), le prenotazioni saranno aperte domattina, sabato 22 agosto, dalle ore 9. Saranno a pagamento i posti a Collemaggio (10 euro), gratis quelli per i mega schermi di piazza Duomo e Villa comunale. “È stato uno sforzo immane – ha spiegato il sindaco Biondi – e devo ringraziare l’ingegner Ardingo per aver avuto la pazienza di cambiare tante volte i piani di sicurezza sia in relazione alle normative che si susseguivano, in particolare i provvedimenti del 7 e 16 agosto, sia in riferimento alle esigenze che emergevano durante i confronti con il Comitato di sicurezza pubblica. Ringrazio anche il presidente Marsilio, il prefetto Torraco, il questore Capoluongo, i comandanti provinciali di Carabinieri, Guardia di finanza e Vigili del fuoco per aver dimostrato una grande sensibilità nel venire incontro alle nostre esigenze e per aver avuto fiducia nelle nostre capacità organizzative già messe alla prova dalla perfetta riuscita dei Cantieri dell’Immaginario”.

“In un anno in cui sono stati cancellati quasi tutti gli eventi nazionali, a cominciare dal Palio di Siena – ha proseguito Biondi – la Perdonanza ci sarà. E alla stessa potrà assistere un numero di persone superiore alle mille che le disposizioni statali, a mio avviso illogiche seppur rispettabili, impongono per gli spettacoli all’aperto. Certo, non sarà un evento al pari di quello degli anni scorsi, ma non poteva essere diversamente. L’emergenza Covid va affrontata con senso di responsabilità e consapevolezza, come abbiamo fatto in questa città anticipando persino alcune disposizioni governative – per esempio la riduzione dell’orario di ricevimento del pubblico o l’obbligo delle mascherine a partire dal pomeriggio, prescritte dalle Stato dopo le nostre ordinanze. Anche per questo, credo, rimaniamo sostanzialmente una città “Covid free”. Tuttavia, la Perdonanza non poteva essere limitata: troppo importante il messaggio di pace, solidarietà e riconciliazione che da questa città, grazie a Papa Celestino V, si alza da 726 anni, per la prima volta sotto il segno Unesco. I posti non saranno tanti, ma probabilmente è il primo tra i pochi eventi rimasti in Italia che si svolge con una deroga che li aumenta di oltre il doppio. E questo è un bel segnale”.

“I disabili – ha detto ancora Biondi – avranno a disposizione l’intero piano terra esterno del parcheggio di Collemaggio per la sosta dell’auto e avranno accessi e posti riservati sia a Collemaggio, sia nelle altre due sedi in cui, attraverso i maxi schermi, si potrà assistere agli spettacoli”.

Il 28 agosto. Lo svolgimento della giornata del Perdono, con l’arrivo della Bolla al piazzale di Collemaggio e l’apertura della Porta Santa per l’inizio del Giubileo aquilano, il primo della storia, è stato spiegato dal vice sindaco Daniele. “Il cosiddetto corteo – ha osservato – prenderà il via alle 18.15 circa e sarà composto unicamente dalla Dama della Bolla, il Giovin Signore, la Dama della Croce, il Sindaco, due carabinieri di scorta in alta uniforme e dall’araldo civico. Alle 19 verrà officiata la Santa Messa Stazionale e alle 20 il cardinale Zuppi aprirà la Porta Santa”.

“Gli accessi per il pubblico, per necessità Covid, saranno contingentati. Attraverso una app di cui a breve saranno rese note le modalità di utilizzo, 1000 persone potranno prenotarsi per assistere alla Santa Messa e avranno un braccialetto di colore verde per l’accesso al prato di Collemaggio. Altre 3.000 persone potranno invece guardare il corteo ‘statico’ dei figuranti in costume che si posizionerà lungo viale di Collemaggio. Tutti i percorsi saranno controllati da varchi elettronici che conteranno il numero dei braccialetti per evitare assembramenti. Le 85 autorità presenti, dunque in numero ridotto rispetto al passato, e i figuranti, avranno un braccialetto rosso. Dopo l’apertura della Porta Santa, sarà possibile accedere alla basilica di Collemaggio solo attraverso la stessa Porta Santa e, percorrendo un itinerario obbligatorio che transiterà davanti alla Bolla del Perdono e al Mausoleo del Papa Santo Celestino V, si potrà uscire da altro varco. In basilica non potranno sostare più di 200 persone contemporaneamente e squadre di tecnici e dipendenti comunali, durante le 24 ore di apertura, fino alla sera del 29 agosto, saranno operative per 24 ore consecutive e controlleranno gli accessi”.

Edizioni

x