« Torna indietro

De Luca

Casi positivi a Casal di Principe

Aumentano i casi positivi a Casal di Principe. Il sindaco invita al rispetto delle regole

Nuovi positivi a Casal di Prinicipe. Il sindaco Natale comunica il quarto tampone positivo.

Era partito tutto con la positività di tre persone dello stesso nucleo familiare, rilevata a Casal di Principe.

Ma a quanto pare la situazione è in evoluzione. Infatti a dare comunicazione di un quarto caso è il sindaco della città Renato Natale.

“A quanto sappiamo sono tutti asintomatici e in quarantena e anche i loro familiari sono in attesa di tampone. – ha comunicato il Sindaco Natale riferendosi ai primi tre casi – Dopo i casi di Casapesenna, di San Cipriano e Villa Literno era solo questione di giorni. Questa è la conseguenza dei comportamenti troppo disinvolti di troppa gente; nonostante l’appello a fare attenzione, ancora oggi sono davvero in tanti ad affollarsi senza il rispetto delle distanze e senza mascherina. In fin dei conti non si chiede chissà quale grande sacrificio, ma solo di essere responsabili e di indossare, appunto, una mascherina. Certo, capisco che può dare un po’ di fastidio soprattutto con il caldo di questi giorni, ma è ben poca cosa nei confronti delle conseguenze di una ripresa dell’epidemia, evento che è necessario scongiurare ad ogni costo, con il contributo di tutti”.

Il quarto caso comunicato, invece, nel primo pomeriggio sempre dal sindaco Natale: “pochi minuti fa l’ASL mi ha informato di un quarto caso a Casal di Principe, anche quest’ultimo senza sintomi e come gli altri in quarantena insieme ai familiari.

Si allargano di conseguenza i controlli ai contatti dei positivi.

“Almeno due sono persone rientrate da poco dalla Sardegna. Per questo chiedo a tutti coloro – è l’ennesima preghiera del sindaco – che provengono non solo dall’estero ma anche dalla Sardegna di segnalarsi all’azienda sanitaria per sottoporsi ai test e nel frattempo di restare in quarantena. Importante è continuare ad osservare tutte le cautele necessarie, con sempre maggior rigore”.

Ovviamente, evidenzia il Sindaco che non è ” la Sardegna, ma sono i comportamenti assunti. Oggi è la Sardegna ma domani potrebbe essere la Sicilia, o la costiera romagnola o anche Sorrento e Capri. Il problema è la poco attenzione nella frequentazione di luoghi affollati. Ecco perché invito tutti ad essere più attenti e seguire i consigli che vengono dati”

Ma ancora oggi, nonostante il crescente aumento dei casi, a livello nazionale, stiamo sfiorando le 1000 positività, sembra che in molti rifiutino le regole per cercare di contenere il contagio o addirittura rifiutino di accettare la presenza di un virus che già a lasciato il segno.

Edizioni

x