« Torna indietro

Europa Verde ha ‘ a cuore Spezia e le aree della provincia’, programma di farle diventare un unico Parco Naturale

Ambiente e natura diventano i punti focali del programma elettorale, con l’obiettivo di rendere La Spezia e Provincia, un Parco Naturale comprendente il golfo e la collina. Si pronuncia  su questa linea Andrea Germi,portavoce di ‘Europa Verde La Spezia’ : –“ La Spezia e provincia per il suo futuro non hanno altra scelta per sanare il problematico storico di città e provincia inquinata. I problemi sono molteplici e noti a tutti, ovvero, Centrale Enel , Navi da crociera e biossido nell’aria, presenza di inquinanti nel sottosuolo, discarica di Pitelli, cementificazione a danno dell’ambiente vedi Masterplan, rigassificatore di Panigaglia con annessi problemi e altri molteplici problemi ormai noti a tutti”.

Da affrontare, sicuramente, resta il problema delle bonifiche che sarebbe non più rimandabile, permettendo lo sviluppo di attività non inquinanti con conseguente miglioramento della qualità di vita e salute del cittadino, nonché, la valorizzazione effettiva del territorio. Germi aggiunge: – “Noi di Europa Verde se riuscissimo ad avere una forte investitura di consenso il 20 e 21 settembre 2020 per le Elezioni regionali, penseremo all’ambiente e alla salute come priorità e conseguentemente porremmo in essere le basi per trasformare la provincia spezzina, fatta di mare montagna, in un grande Parco Naturale che possa imporre bonifica ai problemi irrisolti ad oggi, che solo con una svolta storica sarà possibile affrontare. Tenuto conto della presenza del mare e del golfo e dell’entroterra incontaminato oltre ai 2 parchi di Montemarcello e 5 Terre è giunto il momento di richiedere a gran voce una svolta che ha bisogno del sostegno effettivo della cittadinanza per determinarla e porla immediatamente in essere. Altroché Biodigestore, campi da golf con erba bio sulla discarica di Pitelli, mancata elettrificazione delle banchine, propagarsi di biossido d’azoto delle navi da crociera, Masterplan e cemento a danno dell’ecosistema ma finalmente esprimendo un consenso alla tutela dell’ambiente e la garanzia che qualcuno davvero farà gli interessi della cittadinanza e del territorio con un progetto politico preciso”. Dalle parole di Andrea Germi, la scelta non risulta più rimandabile, in quanto come “hanno visto tutti, questa classe dirigente va avanti per la sua strada senza stare ad ascoltare il territorio, sarà solo un andamento peggiorativo”. Il Portavoce di ‘Europa Verde La Spezia’, puntualizza sul fatto che il Parco delle Cinque Terre va tutelato e valorizzato , costituendo una risorsa fondamentale per benessere non solo dei residenti, altresì, rappresentare un fonte di  prosperità economica per il territorio, quindi strategico per garantire la salvaguardia  dell’ambiente e della salute pubblica. Germi conclude: – “Votare Europa Verde vuol dire votare per il futuro e per un cambiamento innovativo e sostenibile, rilanciare l’economia e dare una svolta definitiva al contesto cittadino e provinciale(…).Esprimere un consenso ad una forza ambientalista non è scelta di destra o sinistra ma è scegliere per il futuro, per sostenere chi può migliorare davvero le condizioni di vita della cittadinanza, salvaguardare l’ecosistema e la salute dei cittadini e dare una svolta anche economica per tutte quelle attività che, anche a causa della recessione e del covid, hanno sofferenze e che la Regione grazie alla nostra presenza dovrà aiutare con finanziamenti a fondo perduto a riconvertirsi in attività non inquinanti e trainanti in un contesto di green economy”.

Edizioni