« Torna indietro

Covid 19,

Coronavirus in Puglia, scendono i nuovi contagi. 38 nuovi casi, uno nel leccese

Scendono i contagi da Coronavirus in Puglia dopo giorni in cui la bilancia dei nuovi positivi si aggirava dalle 50 alle 65 unità circa. Una parziale buona notizia che si spera possa essere confermata nelle prossime ore, ma che non deve far abbassare la guardia a nessuno anche perché, come accaduto spesso anche nei mesi peggiori dell’emergenza, potrebbe trattarsi di un caso isolato. Il dato di oggi, lunedì 31 agosto, però vede quasi un dimezzamento dei nuovi casi, nonostante l’aumento dei tamponi effettuati. Sono 38, infatti, i nuovi positivi da Coronavirus in Puglia. Questo è quello che emerge dal consueto bollettino epidemiologico regionale sulla base delle informazioni del dipartimento Promozione della Salute. I positivi sono risultati dai 1974 tamponi per l’infezione da Covid-19, effettuati nelle ultime 24 ore e sono così suddivisi: 28 in provincia di Bari, 2 nella provincia BAT, 6 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 1 fuori regione. Non sono stati registrati decessi. 

Coronavirus in Puglia, i dati dall’inizio dell’emergenza

emergenza coronavirus
emergenza coronavirus

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 305.020 test, sono 4.040 i pazienti guariti e 844 quelli attualmente positivi. Il totale dei casi Coronavirus in Puglia è di 5.440, così suddivisi: 1.890 nella Provincia di Bari, 442 nella Provincia di Bat, 706 nella Provincia di Brindisi, 1.377 nella Provincia di Foggia, 670 nella Provincia di Lecce, 313 nella Provincia di Taranto, 39 attribuiti a residenti fuori regione, 3 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti. “Il caso registrato oggi dal Dipartimento di prevenzione spiega Rodolfo Rollo dell’Asl di Lecce commentando i casi di Coronavirus in Puglia – riguarda un residente in provincia di Lecce sottoposto a tampone nell’accesso al pronto soccorso in cui era giunto per altre patologie”.

Edizioni