« Torna indietro

Miss Mamma Italiana 2020, tra le finaliste la campobassana Valeria Marchionna

GATTEO MARE – Organizzata dalla TE.MA. Spettacoli di Paolo Teti, con il Patrocinio del Comune di Gatteo (con tutte le dovute misure di sicurezza), si è svolta ieri sera (domenica 30 agosto), in Piazza della Libertà a Gatteo Mare, la Finale Nazionale di “Miss Mamma Italiana 2020”, manifestazione riservata a tutte le mamme aventi un’età fra i 25 ed i 45 anni.

Il Concorso, giunto quest’anno alla sua 27esima edizione (è il primo in Italia dedicato alle mamme) non vuole premiare solo la bellezza, ma intende valorizzare il ruolo della mamma come donna impegnata in famiglia, nel lavoro e nella società.

Le 16 mamme finaliste (selezionate nei giorni prima, in occasione delle Pre Finali, tra le vincitrici delle oltre 100 selezioni regionali svolte in tutta Italia), hanno sfilato prima con abiti eleganti, poi con i costumi “Sunny Beach”, i costumi ufficiali di “Miss Mamma Italiana”. Tutte le partecipanti hanno poi sostenuto una prova di abilità rappresentativa di un loro “talento”, chi ha cantato, chi ha ballato, chi si è cimentata in esercizi ginnici e chi in prove creative o sportive.

Vincitrice assoluta, con la fascia, la corona e lo scettro di “Miss Mamma Italiana 2020” è stata Anastasia Sole, 39 anni, maestra, di Mesoraca (Crotone), sposata da 14 anni con Rocco e mamma di Anthony, Ariel ed Alisya, di 13, 10 e 9 anni.

Tra le fasce assegnate, merita l’attenzione della nostra redazione quella di “Miss Mamma Italiana DAMIGELLA D’ONORE”  a Valeria Marchionna, 42 anni, store manager, di Campobasso, mamma di Rebecca e Ludovica, di 8 e 3 anni. 

La campobassana Valeria Marchionna

“Dedico la mia “II posizione” al concorso nazionale di Miss Mamma Italiana 2020, oltre che alla mia famiglia, – ha dichiarato Valeria Marchionna – a tutte le splendide mamme molisane che ho cercato di rappresentare al meglio sotto l’aspetto della cultura e della personalità prima che esteriore. Sono stata ad un “soffio” dal portare la corona in Molise…terra che avrei voluto contribuire a valorizzare anche in segno di gratitudine per avermi accolta anni addietro e per avermi regalato le cose più importanti della mia vita: mio marito e le mie bambine”.

Edizioni