« Torna indietro

Si masturba davanti ad una 17enne dopo averle sottratto il cellulare. Arrestato 24enne leccese

Un 24enne della provincia di Lecce è stato arrestato dopo aver tratto in inganno una ragazzina e averle sottratto il cellulare per farla avvicinare. Nella tarda serata di ieri, una 17enne leccese, mentre era ferma al semaforo di viale Japigia a bordo della sua mini car, è stata affiancata da un’auto, con a bordo un uomo che dal finestrino le ha chiesto delle informazioni su dove si trovasse una via del centro cittadino di Lecce. La ragazza, in buona fede, non conoscendo la strada, ed essendo scattato il verde, si è fermata poco più avanti per cercarla su google maps dal suo telefono cellulare. Mentre la ragazza stava per fornirgli le indicazioni, l’uomo che poi è stato arrestato, fingendo di non capire dove fosse, le ha sottratto il cellulare per vedere meglio la strada, poi, con mossa repentina, è entrato nella sua auto, invitando la ragazza a seguirlo, con la scusa di dover spostare il veicolo per timore di una contravvenzione. La ragazza, per recuperare il proprio cellulare, ha seguito l’uomo e dal finestrino, lato passeggero, lo ha invitato insistentemente a restituirglielo, ma questi, aprendo lo sportello, l’ha afferrata per un braccio, spingendola dentro l’auto, per poi masturbarsi. 

Violenza sessuale e tentata rapina, queste le accuse per l’arrestato

Soccavo

La ragazza, nonostante fosse comprensibilmente molto spaventata, visti anche i tanti casi di violenza sulle donne che riempiono le cronache dei quotidiani, è riuscita a reagire e, recuperato il telefono, è scappata, minacciando ad alta voce di telefonare alla Polizia, cosa che infatti ha fatto subito dopo. Questa mossa ha indotto il malintenzionato ad allontanarsi, ma  la ragazza è riuscita, mentre l’uomo si allontanava, a rilevare la targa del veicolo. E’ stato un attimo, per gli agenti delle volanti intervenuti sul posto, risalire al soggetto in questione, un 24enne della provincia di Lecce che, nel frattempo, aveva raggiunto la sua abitazione. L’uomo già conosciuto alle Forze dell’Ordine per essersi reso responsabile, negli ultimi anni, degli stessi reati, è stato svegliato nel cuore della notte dagli operatori di Polizia e quindi arrestato e condotto in carcere con l’accusa di violenza sessuale e tentata rapina.

Edizioni