« Torna indietro

scuola

Covid 19: non è un gioco

Covid in Puglia, contagi in risalita. 68 i nuovi casi, 3 nel leccese

Dopo un paio di giorni in cui il Covid in Puglia aveva fatto registrare numeri un po’ più bassi per quel che riguarda i nuovi contagi, nella giornata di oggi, mercoledì 2 settembre, tornano a salire i positivi. Ancora una volta, però, si registrano dei dati un po’ drogati dai focolai baresi che da giorni stanno influenzando verso l’alto i nuovi contagi. La situazione odierna, espressa dal nuovo bollettino epidemiologico emanato dalla Regione Puglia, parla di  68 nuovi casi registrati sulla base delle informazioni del Dipartimento Promozione della Salute raccolte nelle ultime 24 ore. I contagi arrivano dopo 4.283 tamponi effettuati per l’infezione da Covid in Puglia. I casi sono così suddivisi: 50 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 5 a Foggia, 3 a Lecce, 7 in provincia di Taranto, 2 fuori regione. Non sono stati registrati decessi.

Covid in Puglia, i dati dall’inizio dell’emergenza

emergenza coronavirus
emergenza coronavirus

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 312.954 test, mentre sono 4067 i pazienti guariti e 922 quelli attualmente positivi. Il totale dei casi Covid in Puglia è di 5546, così suddivisi: 1964 nella Provincia di Bari; 449 nella Provincia di Bat; 706 nella Provincia di Brindisi; 1386 nella Provincia di Foggia; 675 nella Provincia di Lecce; 323 nella Provincia di Taranto; 40 attribuiti a residenti fuori regione; 3 provincia di residenza non nota (un caso è stato eliminato dal database). I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti. Il direttore generale dell’Asl di Lecce, Rodolfo Rollo, analizzando la situazione Covid in Puglia, ha parlato così dei tre casi in provincia di Lecce: “I 3 casi registrati oggi dal Dipartimento di prevenzione della ASL Le riguardano due cittadini stranieri temporaneamente presenti nella nostra provincia e un residente già in isolamento”. 

Edizioni

x