« Torna indietro

polignano a mare tamponi azienda ortofrutticola

Polignano a Mare, 76 positivi (asintomatici?) in un’azienda agricola; allestita una tenda per i tamponi

Sono 159 i tamponi effettuati all’interno di un’azienda ortofrutticola di Polignano a Mare, dopo che una lavoratrice è risultata positiva al coronavirus. Gli esami hanno restituito 76 casi positivi (fonte Bollettino Epidemiologico Regione Puglia) ma non è escluso che i numeri possano aumentare, visto che I’Asl Bari fa sapere che “E’ prevista l’esecuzione di altri tamponi, in parallelo alla attività di sorveglianza sui contatti stretti dei positivi finora accertati”. 

Allo scopo la Asl ha fatto addirittura allestire una tenda nei pressi del campo sportivo di Polignano; qui si potranno recare tutti coloro che vorranno effettuare il tampone con modalità drive in, dopo aver prenotato l’esame al link predisposto dalla stessa azienda sanitaria, a cominciare dai contatti più stretti dei positivi. E’ il sindaco di Polignano, Domenico Vitto, a comunicarlo alla cittadinanza, con toni decisamente allarmati: “La situazione è delicata come non mai”, scrive infatti su Facebook il primo cittadino. “Ho appena sentito il prefetto Bellomo che come sempre si è dimostrata estremamente sensibile e disponibile, il dirigente Asl dottor Domenico Lagravinese e il capo dipartimento della Protezione civile Mario Lerario, per concordare le strategie da mettere in campo per affrontare al meglio questa situazione”, prosegue, invitando “chi è in attesa di conoscere l’esito del tampone a mettersi in isolamento in via precauzionale”. 

Una gestione degli eventi profondamente diversa rispetto a quella adottata nelle scorse ore a Foggia, dove il referto positivo di un individuo che aveva partecipato a una festa di nozze ha indotto le autorità sanitarie a richiedere l’isolamento degli invitati ma non a procedere al test, visto che le direttive regionali impongono i tamponi “solo in caso di sintomatologia da Covid 19″. Una scelta che appare decisamente più sensata e meno allarmistica.

Perché queste differenze? Quando un po’ di chiarezza sulle procedure?

Edizioni

x