« Torna indietro

ATO CL2: il Dott. Salvatore Sauna precisa che... | Day Italia News Gela

ATO CL2: il Dott. Salvatore Sauna precisa

Dopo lo scontro tra sindaci, ecco la risposta del professionista gelese la cui nomina sarebbe motivo di discordia

In considerazione a quanto pubblicato dagli organi di stampa in data odierna tengo a precisare quanto segue:

1) il Sindaco di Riesi dott. Chiantia è un mio amico intimissimo in quanto, oltre ad essere stato mio alunno (ITC Verga – Riesi 1985), è stato un praticante di studio (anni 1996/97) e oggi uno stimato collega;

2) Nella mattinata del 7/9 ho ricevuto una telefonata dal sindaco Chiantia per una mia eventuale disponibilità ad accettare la nomina di commissario liquidatore dell’Ato CL2 in quanto riteneva di suggerire una figura di comprovata esperienza professionale. Ho risposto che in questo periodo, sia per impegni professionali sia scolastici, avrei avuto grosse difficoltà ad accettare tale nomina, tuttavia, trattandosi di un mero incarico professionale di gestione della fase di liquidazione (attività che rientra pienamente nelle competenze specifiche dei commercialisti) avrei potuto accettare l’incarico o suggerito il nominativo di qualche commercialista iscritto all’albo dei Dottori Commercialisti del Tribunale di Gela (in un’ottica di privilegiare le competenze e le eccellenze del territorio);

3) Fuori da quanto sopra esposto, non ci sono stati contatti di nessuna natura o incontri che possano far pensare “a un piano ben studiato e minuziosamente orchestrato, al fine di garantire un certo potere e dei vantaggi a favore di qualche gruppo o area politica” (riporto quanto pubblicato dagli organi di stampa).

Colgo l’occasione per manifestare una profonda delusione per quanto esternato dal Sindaco Greco, una persona che stimo e che ho sostenuto (e non me ne pento) in prima persona nel corso della campagna elettorale. Tuttavia, considero gravi e lesivi della mia figura professionale i dubbi che si pone il sindaco Greco, riguardanti sia la mia persona sia la mia correttezza professionale (riporto quanto pubblicato dagli organi di stampa: “Inoltre, con la scelta del professionista gelese si entra in dinamiche tese ad intorbidire ed inquinare rapporti civici ed istituzionali di cui la mia città sente, invece, un gran bisogno”).

Il sottoscritto non vuole essere coinvolto in polemiche o questioni politiche, gli impegni professionali e personali non me lo consentono, per cui invito il sindaco Greco a rivedere la sua posizione confermando, ancora una volta, che la risposta alla chiamata del mio ex alunno, praticante e oggi collega Chiantia (uno degli alunni più brillanti avuti in 35 anni d’insegnamento), è stata di una semplice disponibilità personale o di semplice indicazione di qualche altro collega, ma solo per un incarico che intendo prettamente professionale e rientrante nell’ambito delle competenze professionali dei commercialisti, categoria di cui mi onoro di fare parte.

Peraltro, anche per il sindaco Chiantia l’indicazione era di un commercialista quale commissario liquidatore. Concludo nel ricordare al sindaco Greco che il sottoscritto ha partecipato attivamente a tutte le campagne elettorali dei sindaci Gallo, Crocetta, Fasulo e Greco, ma non ha mai elemosinato incarichi e, quando ha accettato qualche incarico da qualche sindaco, ha svolto il mandato in via del tutto gratuito ma con impegno costante.

Invito il sindaco Lucio Greco a rivedere la sua posizione sulla mia persona, che da sempre si è tenuta lontana da giochi di potere e da affari politici, ricordando che il sottoscritto finora, in politica e nella professione come nell’insegnamento, ha sempre messo il cuore e le proprie competenze a servizio degli altri senza nulla pretendere.

Auspico che le questioni politiche all’interno dell’Ato CL2 siano risolte facendo prevalere la ragione e gli interessi del territorio e dei cittadini.

Edizioni

x