« Torna indietro

Fiume Sarno

Controlli serrati sul fiume Sarno, lotta senza quartiere all’abbandono dei rifiuti ed agli sversamenti illeciti (VIDEO)

Denunce, sequestri e controlli condotti dai carabinieri del Comando Unità Forestali, Ambientali ed Agroalimentari.

Continua l’opera di controllo dei carabinieri del Comando Unità Forestali, Ambientali ed Agroalimentari per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e degli sversamenti illeciti in prossimità del fiume Sarno. Nel mese di agosto i controlli sono stati intensificati e sono stati effettuati accessi presso opifici operanti lungo i torrenti Solofrana e Cavaiola, per verificare la presenza di scarichi abusivi e la regolarità di quelli censiti.

I Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, con i dipendenti NOE di Napoli e Salerno e dei Gruppi Tutela Forestale di Napoli, Salerno e Avellino hanno sottoposto a verifica 27 aziende, deferito 50 persone (alcune delle quali accusate di aver redatto certificazioni analitiche false sulla pericolosità dei rifiuti prodotti dalle aziende) ed elevato sanzioni amministrative per un totale di 82.000 euro.

I militari hanno sequestrato un capannone industriale da 800 mq e 5 aree per un ammontare complessivo di 15.000 mq, usati per lo stoccaggio abusivo di diverse quantità di rifiuti speciali anche pericolosi. Nello stesso contesto veniva accertato che le acque di dilavamento dei piazzali, dove erano stoccati i rifiuti, confluivano senza alcun trattamento nei corsi d’acqua tramite scarichi abusivi.

In totale dopo la fine del lockdown i militari nelle zone prospicienti il fiume Sarno hanno controllato 195 attività produttive, denunciato 117 persone, individuato 40 scarichi abusivi, sequestrato 6 aree di stoccaggio di rifiuti ed elevato sanzioni per un totale di 120.000 euro. I controlli continueranno senza sosta per bloccare quanto prima tutte le attività illecite in prossimità del fiume Sarno.

Edizioni

x