« Torna indietro

Bussana Vecchia, prima sentenza: il tribunale di Genova dà ragione allo Stato per le case del borgo

Bussana Vecchia, prima sentenza: il tribunale di Genova dà ragione allo Stato per le case del borgo

Bussana Vecchia – Prima sentenza contro una degli artisti che ha ripopolato e ristrutturato il borgo antico di Bussana Vecchia, a Sanremo, e che ora dovrà lasciare la casa.

Bussana: la sentenza del giudice

Il giudice unico Andrea Del Nevo della terza Sezione Civile del Tribunale di Genova ha condannato Jana Mazurova, 69 anni, a rilasciare l’immobile in cui vive a Bussana entro cinque mesi in favore dell‘Agenzia del Demanio, considerata legittima proprietaria di tutte le case presenti nel borgo, e a rimborsare due terzi delle spese di lite per un ammontare di poco più di 4.100,00 euro.

Bussana Vecchia: il racconto dell’artista Mazurova

Mazurova, artista, si era insediata nel paese negli anni Sessanta con il marito Wolfgang Weiser (deceduto nel corso della causa civile). Lei, come tanti altri artisti, aveva contribuito alla rinascita di Bussana Vecchia, paesino andato completamente distrutto da un terremoto nel 1887, abbandonato dagli abitanti e poi ripopolato a partire dalla anni Sessanta del secolo scorso da una comunità di artisti che ha trasformato il borgo in una località che oggi attira visitatori e turisti grazie proprio grazie alla presenza di botteghe e atelier realizzati dagli attuali abitanti.

Prima sentenza

Si tratta della prima sentenza che condanna uno degli attuali residenti di Bussana Vecchia a lasciare la casa. Gli immobili riadattati sono al centro di una querelle legale iniziata nel 1968 con un primo tentativo di sgombero e andata avanti per anni tra lo Stato e gli artisti che rivendicano l’usucapione. La causa tra Jana Mazurova e l’Agenzia del Demanio è iniziata quando la donna, così come gli altri abitanti del borgo, ha ricevuto la richiesta “di pagamento di indennità per l’utilizzo senza titolo” dell’immobile.

x