« Torna indietro

Venezia: i test in aeroporto sono volontari, un’opportunità offerta a chi rientra dalla Sardegna

In risposta alla fake news che, nei social, insinuano discriminazioni verso i cittadini sardi in arrivo a Venezia, l’Ulss 3 Serenissima precisa quanto segue 

Sardi discriminati a Venezia perché sottoposti a tampone? Si tratta di fake news già smentite dagli stessi social. I test anti Covid-19 effettuati a Venezia per chi sbarca dall’aereo sono volontari, e lo sono in particolare per chi rientra dalla Sardegna. Si tratta di un’opportunità, e di un servizio di cui i viaggiatori usufruiscono per propria scelta: sia quelli che rientrano da Grecia, Malta, Croazia e Spagna, che possono sottoporsi a tampone direttamente in Aeroporto ma sono liberi di farlo anche altrove nelle 48 ore successive al rientro, sia quelli che rientrano dalla Sardegna, che si sottopongono al test solo se lo desiderano, senza alcun obbligo”. 

La pseudo-tesi che gira nei social, secondo cui a Venezia si praticherebbe una discriminazione verso i cittadini sardi è quindi assolutamente priva di fondamento. Non si tratta nemmeno di una polemica, ma di notizie inventate. Ed è lo stesso mondo del social che ne evidenzia la falsità: molti di coloro che intervengono, commentando nei social, segnalano come quello organizzato a Venezia sia un servizio prezioso, utilizzato da moltissime delle persone che sbarcano all’Aeroporto Marco Polo provenendo dai Paesi esteri monitorati o dalla Sardegna.

Edizioni

x