« Torna indietro

Milano, spacciano nelle proprie abitazioni a Niguarda e San Siro, due arresti

Milano, spacciano nelle proprie abitazioni in zona Niguarda e San Siro, due arresti

Ieri pomeriggio, a Milano, la Polizia di Stato ha arrestato un uomo e una donna per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in due distinte attività investigative, nelle zone Niguarda e San Siro.

Alle ore 13:00 circa, gli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato Greco Turro, nell’ambito dei servizi di contrasto al traffico di droga, hanno individuato un’attività di spaccio all’interno dell’abitazione di un 19enne italiano in via Val Cismon, nonostante fosse agli arresti domiciliari.

I poliziotti, dopo aver effettuato un servizio di osservazione all’esterno dello stabile, e dopo aver notato alcune persone note per attività di spaccio uscire dall’appartamento del ragazzo, hanno effettuato una perquisizione sequestrando oltre 200 grammi di hashish rinvenuti all’interno della camera da letto, la somma di 395,00 euro e un bilancino di precisione.

Il giovane spacciatore, con diversi precedenti di polizia, è stato arrestato.

La seconda attività investigativa, invece, svolta ieri pomeriggio in via Abbiati, ha permesso di arrestare una cittadina ecuadoregna di 39 anni, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Gli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato Bonola hanno individuato un appartamento in via Abbiati, usato come base di appoggio per il deposito ed il confezionamento di cocaina che sarebbe poi stata rivenduta sulla piazza milanese.

I poliziotti, alle 15:30 di ieri pomeriggio, hanno atteso che la donna uscisse dal suo appartamento per bloccarla. Al seguito aveva un involucro contenente 4,8 grammi di cocaina verosimilmente destinata allo spaccio.

Nel corso della perquisizione domiciliare gli agenti del Commissariato Bonola hanno rinvenuto e sequestrato 229 grammi di cocaina nascosti in una bocchetta d’areazione del muro della cucina, 10 grammi sempre di cocaina e due bilancini di precisione nascosti nella cassetta del mangime del cane e 6700 euro in contanti in un borsello in camera da letto.

Edizioni

x