« Torna indietro

Bassa Padovana, rapine gemelle con la tecnica dell’abbraccio: partita l’indagine dei carabinieri

Entrambe si sono viste strappare le collane da una giovane donna scappata a bordo di un’auto guidata da un complice. I carabinieri della compagnia di Este stanno indagando sui due episodi, nati come furti con la classica “tecnica dell’abbraccio” e sfociati in rapine. A compierli potrebbe essere stata la stessa coppia criminale, ma al momento gli inquirenti non hanno gli elementi per confermare o smentire questa ipotesi.

I fatti sono successi tra le 9 e le 10.30. A Solesino P. M., 84 anni, stava camminando in via Trieste quando le si è avvicinata una giovane donna con il pretesto di chiedere informazioni. Poi con un gesto repentino le ha strappato la catenina d’oro che portava al collo, fuggendo a bordo di un’auto. Il complice la stava aspettando, pronto a far perdere le loro tracce, con in tasca un bottino da mille euro. L’anziana ha rincorso la malvivente, nel disperato tentativo di riprendersi quello che le era stato rubato, ma è caduta a terra ed è rimasta ferita. Per fortuna in modo lieve, come hanno riscontrato i medici dell’ospedale di Schiavonia, dove la donna è stata trasportata in ambulanza.

Stesso copione – ma senza feriti – a Montagnana. Qui, in via Vanin S. R., di 81 anni, è stata avvicinata da una giovane che ha tirato con forza le due collane che indossava: una d’oro, l’altra d’argento per un valore complessivo di circa 2mila euro. Anche in questo caso la ragazza è fuggita a bordo di un’auto guidata da un complice.

Edizioni