« Torna indietro

Este, progetto “4H Scaliamo il futuro!”: titolo di comune ambasciatore dell’Economia Civile

Sono cinque i Comuni italiani che riceveranno l’investitura a Firenze, durante il Festival nazionale dell’Economia civile, che si svolgerà dal 25 al 27 settembre. La sindaca Roberta Gallana e l’assessore al sociale Lucia Mulato andranno a ritirare il premio domenica prossima, giornata conclusiva del festival nella prestigiosa cornice del Salone dei Cinquecento, a Palazzo Vecchio.

Il progetto 4H, articolato in tre anni e finanziato dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile verrà premiato per l’impatto positivo che ha avuto sulla comunità educante atestina. L’iniziativa, promossa dal Comune e di cui è capofila la Fondazione Irea Morini Pedrina, è riuscita a creare una rete di cui fanno parte molti soggetti: il Museo Nazionale Atestino, l’istituto comprensivo Pascoli di Este, l’Università di Padova, il Comune di Baone, il centro di formazione professionale Manfredini, la parrocchia di Santa Tecla, la Fondazione Santa Tecla e Sesa spa. Tanti partner con unico obiettivo: offrire ai ragazzi opportunità educative efficaci che si sono concretizzate in laboratori, doposcuola, centri estivi e momenti di aggregazione. Ma anche incontri di sostegno alla genitorialità rivolti alle famiglie per aiutarle ad affrontare temi come l’uso e l’abuso delle tecnologie, le dipendenze, il bullismo, l’educazione ai sentimenti.

«Il progetto coinvolge circa 250 ragazzi, insieme alle loro famiglie. Le attività sono realizzate dentro e fuori la scuola media Carducci di Este e hanno un forte approccio inclusivo – spiega l’assessore Mulato –. Il 4H vuole valorizzare le relazioni già esistenti tra coloro che si occupano dei ragazzi in questa fascia d’età, per fare rete e trasformare l’iniziativa in una vera e propria start up orientata a mantenere una comunità educante viva e attiva, che resti una risorsa per l’intero territorio».

«È un bellissimo successo per la Città di Este – commenta la sindaca –. Ottenere questo prestigioso riconoscimento è un lustro per l’intera comunità ed è ulteriore simbolo dell’importanza di fare rete».

Edizioni