« Torna indietro

No alle visite gratuite

No alle visite gratuite: start-up spagnola GuruWalk contro il Comune di Firenze

No alle visite gratuite. La start-up spagnola GuruWalk contro il Comune di Firenze. Recentemente, a Firenze, il regolamento sui tour turistici è stato modificato e, alla luce dell’approvazione della normativa fiorentina, i giuristi si pronunciano sulla legalità delle visite gratuite e chiariscono le ragioni che portano alla loro demonizzazione da parte delle associazioni ufficiali delle guide.

Visite gratuite, soluzione alla crisi del turismo. È un momento complicato per i professionisti del turismo, con più di 15mila guide senza clienti. Da GuruWalk, piattaforma spagnola che oggi riunisce il maggior numero di guide turistiche gratuite al mondo, difendono che i tour gratuiti non sono un problema, ma una soluzione al nuovo paradigma del settore turistico per la versatilità e la libertà che offrono, e perché non dipendono esclusivamente dal turista straniero.

«C’è una campagna coordinata per criminalizzare il tour gratuito. Mi chiedo: perché vanno contro un modello che funziona meglio invece di approfittarne? In effetti, oggi la stragrande maggioranza delle guide in tour gratuiti sono ufficiali», dice Juan Castillo, fondatore di GuruWalk.

Dal punto di vista della legge, è stata posta particolare attenzione alle visite gratuite, quelle che sono disciplinate da un’unica regola: pagare liberamente la guida al termine della visita guidata secondo l’esperienza, considerandola concorrenza sleale.

Tuttavia, diversi avvocati chiariscono che non può essere considerata tale.«dal punto di vista delle guide turistiche, non vi è alcuna violazione dei diritti contenuti nella normativa europea, né nello stesso diritto del lavoro italiano», dice da Estremslex l’avvocato Inmaculada Estrems, con oltre quindici anni di esperienza. Chiarisce che «la libertà di fornire servizi è una delle libertà fondamentali e del principio fondamentale del Trattato sull’Unione Europea».

Manuel Barba, avvocato e specialista in marketing legale e sviluppo del business in manuelbarba.es, nota «un’innovazione nel modello di business che sicuramente genera concorrenza nel settore. Abbiamo cercato di lavorare sul rapporto con i clienti e sul canale digitale, con un’offerta molto interessante che è legata alla soddisfazione e all’esperienza dell’utente: “paghi solo se sei soddisfatto e ciò che ritieni opportuno per il servizio ricevuto“. La remunerazione è variabile, un rischio che la guida accetta. Slealtà? No, innovazione nel modello di business».

Allo stesso modo, Reimel Ariosa, avvocato di Gowper – uno studio legale specializzato in startup e nuove tecnologie – avverte che “questo modello dirompente, in quanto servizio della società dell’informazione  è protetto dal diritto comunitario vigente. Che l’utente del tour gratuito decide il prezzo del servizio è pienamente compatibile con la legge sulla concorrenza come citato nella recente sentenza della Corte di giustizia dell’UE (C-390/18, Airbnb)».

María Aranzazu Labrador, di Segoviafreetour è una guida ufficiale che utilizza questa piattaforma per ottenere clienti, prevede che «il turismo come lo conoscevamo fino ad ora richiederà molto tempo per tornare, e lo farà in modo diverso». Per lei «le visite guidate gratuite sono un modello di business in ascesa». Inoltre, difende che «non lavoro gratis e ovviamente pago le tasse, ma ora che il tasso è flessibile e gratuito, anche la cultura raggiunge tutte le tasche».

GuruWalk è la comunità globale di tour gratuiti con la più grande offerta sul mercato. Attualmente siamo presenti in 105 paesi e 700 destinazioni. Il nostro obiettivo è quello di portare la cultura al maggior numero possibile di persone e dare loro l’opportunità di scoprire nuovi luoghi attraverso la gente del posto.

I TOUR GRATUITI O GURUWALKS, SONO COMPOSTI DA:

Guru: Guide locali, con grande conoscenza della città e delle usanze del luogo

Camminatori: viaggiatori che si esibiscono in guru.

Edizioni