« Torna indietro

covid-19-coronavirus | Day Italia News Ragusa

Coronavirus: la Liguria, unica regione in Italia, nella lista rossa svizzera dal 28 settembre

Coronavirus: anche la Liguria nella lista rossa svizzera dal 28 settembre

Coronavirus – La Svizzera ha incluso la Liguria – insieme a Gran Bretagna, Portogallo, Belgio – nell’elenco degli Stati e Regioni a rischio elevato di contagio da coronavirus. La nuova lista entrerà in vigore lunedì 28 settembre. Chi entra in Svizzera da uno dei paesi e regioni nell’elenco dovrà passare quattordici giorni in quarantena.

Coronavirus: le zone rosse soggette a quarantena

In totale 59 zone sono ora soggette all’obbligo di quarantena, secondo l’elenco aggiornato dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Precisa l’agenzia di stampa svizzera Keystone-Ats.
La lista include anche Danimarca, Irlanda, Islanda, Slovenia, Ungheria e Marocco, i territori della Bretagna e i land Alta e Bassa Austria.

Coronavirus: la conferma dell’ente

La conferma è arrivata ieri dall’UFSP che ha spiegato che la situazione epidemiologica degli stati confinanti viene valutata su base regionale, essendo impossibile differenziare su base delle località. Secondo quanto precisato dall’ente, dunque, un’aerea entra nella lista se registra più di 60 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni. E, in Liguria, questo dato si attesta, attualmente, a 80, unico caso in Italia.

Dopo aver appreso dell’inserimento nella ‘lista rossa’ svizzera della Liguria, Regione Liguria ha scritto, allegando l’opportuna documentazione di Alisa, al console generale di Svizzera in Italia, e per conoscenza al ministro degli Esteri Di Maio, affinché “le autorità svizzere tornino su una decisione che risulta falsata da dati disomogenei sul territorio regionale” oppure, in subordine, “limitino le proprie prescrizioni alle sole aree regionali maggiormente colpite dal contagio”.

Intanto, la notizia impatta, e impatterà, pesantemente il settore del turismo e 3mila svizzeri dicono addio alla Liguria: “Una perdita da 5 milioni di euro”.

Edizioni