« Torna indietro

Padova, progetto universitario sul diabete: 4 milioni di finanziamento europeo

La Commissione Europea ha deciso di finanziare la ricerca di bioingegneria in ambito diabetologico per un totale di 4 milioni di euro nel quadro del programma Future & Emerging Technologies Proactive (FET Proactive)-Horizon 2020. Il contributo è stato assegnato a “ForgetDiabetes”, il rivoluzionario progetto ideato da Claudio Cobelli, professore emerito di Bioingegneria dell’Università di Padova. Le Fet Proactive sono rivolte a proposte tecnologiche radicalmente nuove sviluppate in un contesto interdisciplinare al fine di fare emergere un eco-sistema innovativo basato su un nuovo paradigma tecnologico, e devono essere all’avanguardia tecnologica e ad alto rischio/alto rendimento (high risk/high gain).  Un grande risultato per la ricerca di bioingegneria in ambito diabetologico che vede l’Università di Padova all’avanguardia in ambito mondiale. Nei prossimi 4 anni, i ricercatori padovani lavoreranno in stretta collaborazione con i colleghi dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa per lo sviluppo di un pancreas artificiale completamente impiantabile per la cura del diabete tipo 1. Il coordinatore del progetto, il prof. Claudio Cobelli, specifica la rarità del progetto: «Un team interdisciplinare con i migliori esperti in micro-nano meccatronica, modellazione, ingegneria di controllo, biomateriali, endocrinologia, chirurgia e scienze comportamentali è stato “assemblato” per sviluppare ciò che è stato considerato impossibile per decenni: “sensore per glicemia più pompa per insulina” che per le dimensioni altamente miniaturizzate potrà essere impiantato all’interno dell’addome e grazie ad un sistema di gestione intelligente, consentirà un controllo quotidiano completamente automatico ed “invisibile” del diabete consentendo al malato di liberarsi dagli oneri quotidiani per il controllo del suo diabete».

x