« Torna indietro

10 anni di attività

10 anni di attività per gli Angeli del Bello, che adesso avranno una nuova casa

10 anni di attività per gli Angeli del Bello, che adesso avranno una nuova casa.

«10 anni di @angelidelbello, 10 anni di amore e cura della nostra città! Grazie agli oltre 3500 volontari per il lavoro fatto fin’ora, e per tutti i bei progetti che faremo insieme. Impaziente di vedere la nuova sede, “la Casa del Bello”, la casa di chi vuole bene a #Firenze!» ha twittato il sindaco Dario Nardella.

Una “Casa del Bello per Firenze”, gestita e sostenuta dalla Fondazione degli Angeli del Bello, un punto di aggregazione per tutta la città dove promuovere il decoro, la rigenerazione urbana, l’educazione civica, il rispetto della qualità dei beni comuni, la cittadinanza attiva: questo l’obiettivo della Onlus fiorentina, in occasione dei 10 anni di attività, per se stessa, il capoluogo toscano e tutte le realtà affiliate.

È stato festeggiato il decimo compleanno della Fondazione che conta oltre 3.500 iscritti, “innamorati” di Firenze che dedicano un po’ del proprio tempo libero e le capacità al decoro cittadino.

Oltre 50 volontari si sono dati appuntamento a Porta San Frediano, dov’è ubicato l’antico rimessaggio delle carrozze di via Pisana, per gli interventi nell’area compresa tra Ponte alla Vittoria, Ponte Vespucci e Porta San Frediano.

Gli Angeli del Bello, armati di pettorine, guanti, vernici, raccattini e tanta energia, sono intervenuti per pulire cartelli, rimuovere scritte, con il CamminPulendo sugli argini, sempre sensibilizzando cittadini, residenti ed esercenti sulle buone pratiche.

La “futura” Casa del Bello per Firenze sorgerà accanto a Porta San Frediano, nel luogo concesso dal Comune in comodato gratuito alla Fondazione. In occasione della festa i volontari, a fianco delle autorità cittadine, hanno “posato la prima pietra” per realizzare “il sogno”.

La Fondazione consapevole che la riqualificazione del luogo, che ha perduto nel tempo il proprio ‘significato’ di spazio pubblico a causa dell’abbandono, creando un vuoto urbano, contribuisce a rigenerare la città a cui appartiene migliorando nel complesso le condizioni di vivibilità e sostenibilità, invita i cittadini, le aziende, i residenti ad aiutare il gruppo nelle operazioni di recupero e ripristino con erogazioni in beni, denaro, attività.

Importante, quindi, il festeggiamento per questi 10 anni di attività della Fondazione, nata nel 2010, su iniziativa di Quadrifoglio (ora Alia Servizi Ambientali SpA) e Partners Palazzo Strozzi (ora Associazione Per Firenze), per promuovere la partecipazione attiva dei cittadini alla cura dei beni comuni e all’educazione al civismo attraverso azioni concrete di volontariato urbano volte a migliorare il decoro e la bellezza di Firenze.

Ogni giorno sono circa 40 i volontari attivi sul territorio, armati di pettorine, guanti, vernici, raccattini e tanta energia, e si occupano di ripulire dalle scritte vandaliche i muri dei palazzi fiorentini, ma anche per curare i giardini e gli spazi di verde pubblico.

«Siamo una realtà incredibile, e dopo 10 anni posso dirlo – ha commentato il Presidente della Fondazione Angeli del Bello, Giorgio Moretti – con più di 14.000 ore dedicate alla nostra città ogni anno; siamo paragonabili ad un’azienda che interviene sul territorio con 17 addetti, ma siamo tutti volontari che dedicano il proprio tempo al bene comune».

«Quando, 10 anni fa abbiamo accettato questa scommessa, non avrei mai immaginato un risultato simile; affiliati che nascono in Italia, citazioni sui media fuori dalla nostra patria, una “Casa del Bello” per Firenze! Noi – conclude Moretti – chiaramente non ci arrendiamo, siamo un mix di pazienza e determinazione senza fine….ma abbiamo come sempre bisogno di tutti; per questo il nostro decimo compleanno è qui oggi, in un luogo destinato a diventare un cuore di decoro, educazione e civismo a Firenze».

La “Casa del Bello” sarà un esempio di innovazione sociale e culturale, anche attraverso percorsi di inserimento socioterapeutico, attività per le persone diversamente abili, integrazione con i richiedenti asilo. Inoltre, tra le attività che verranno svolte nella struttura ci saranno anche momenti dedicati a laboratori e percorsi didattici legati alla cura del decoro anche degli spazi privati.

«Si festeggia il decimo anno di attività degli Angeli del Bello – ha detto il sindaco Dario Nardella -, una bella e attiva realtà, che si dedica alla cura della città e alla diffusione dell’educazione al civismo».

«La posa della prima pietra della Casa del bello è un momento importante nel percorso di crescita della Fondazione degli Angeli del bello, che nel corso degli anni è diventata un punto di riferimento per il decoro urbano e un simbolo di cittadinanza attiva».

«La Casa del Bello sarà uno spazio vivo e aperto alla città in cui volontari e cittadini potranno incontrarsi e confrontarsi su temi importanti come il decoro, l’educazione civica, la rigenerazione urbana e in cui sarà dedicata particolare attenzione anche alle persone più fragili con attività particolari e percorsi di inserimento socioterapeutico. Firenze è orgogliosa degli Angeli del Bello».

«Un progetto al quale l’amministrazione tiene molto e che finalmente diventa realtà – ha detto l’assessore al decoro cittadino, Alessia Bettini -, dando vita a un luogo aperto e vivo per tutti i cittadini che hanno a cuore la cura della nostra città».

«Uno spazio che ospiterà la ‘Casa del bello’ e degli Angeli che ormai da 10 anni sono sinonimo di decoro e rispetto della bellezza di Firenze, con un impegno attivo e quotidiano nelle piccole e grandi battaglie per la tutela della città. Sarà il quartier generale di centinaia volontari, ma anche un luogo dal quale promuovere iniziative, campagne e messaggi di civismo urbano. Un luogo di cui c’era bisogno e che adesso prende vita con gli Angeli del bello».

«Sono particolarmente contento che questo spazio sia stato assegnato alla Fondazione Angeli del Bello – ha aggiunto l’assessore Martini -, una realtà giovane ma già molto affermata e apprezzata per il suo impegno per la cura e il decoro della città. Un grande lavoro di cui li ringrazio. Sono sicuro che ne faranno buon uso».

«Un compleanno speciale per i dieci anni degli Angeli del Bello – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re-, che vogliamo festeggiare insieme ai volontari dando il via al recupero di un luogo importante dell’Oltrarno. Un intervento di ristrutturazione che sarà realizzato direttamente dagli Angeli e che arricchirà questa parte della città con un presidio a difesa dell’ambiente e del territorio, anche attraverso iniziative di promozione di buone pratiche di sostenibilità”.

«È importante per la Fondazione la giornata di oggi, e lo è anche per noi – ha commentato Alessia Scappini, Ad di Alia Servizi Ambientali SpA – come realtà da sempre impegnata a fianco dei volontari, con cui condividiamo un obiettivo comune per garantire il decoro urbano. Siamo contenti di poter quotidianamente fare la nostra parte insieme ai cittadini impegnati nel rispetto dell’ambiente e per il bene comune».

Edizioni