« Torna indietro

laboratorio

Sparano con una pistola scacciacani, denunciati 4 studenti cinesi

Sparano con una pistola scacciacani, denunciati 4 ragazzi cinesi. E’ successo all’una di notte, in via Curtatone. Qui sono stati rintracciati e denunciati quattro ragazzi cinesi responsabili di minaccia aggravata in concorso. Per rendere più credibile il loro gesto, hanno anche esploso un colpo di pistola scacciacani per sostenere le ragioni di una amica

Tutto inizia verso le 1 della scorsa notte, su richiesta pervenuta sul numero di emergenza 112, due equipaggi del Nucleo Radiomobile di Firenze venivano inviati in Borgo Ognissanti dove un residente aveva segnalato di aver sentito un colpo d’arma da fuoco e, poco dopo, aver visto dei ragazzi scappare in direzione Lungarno Ferrucci.

Dopo aver acquisito le prime informazioni e qualche particolare sull’abbigliamento dei ragazzi fuggiti, i militari si ponevano alla ricerca del gruppetto, individuandolo poco dopo in via Curtatone.

I cinesi, 3 uomini ed una donna tutti studenti incensurati, non avevano con sé armi. Tuttavia, capito che i 4 stavano nascondendo qualcosa, i Carabinieri percorrevano a piedi a ritroso tutta la strada fatta dagli stessi, riuscendo a ritrovare sotto un’autovettura parcheggiata 2 pistole “scacciacani” con tappo rosso, di cui una con all’interno un colpo esploso.

Con non poche difficoltà, i militari, ritornati nei pressi del palazzo di Borgo Ognissanti ove erano stati visti, riuscivano quindi a ricostruire l’accaduto: i quattro cinesi avevano cercato di entrare per poter accedere all’interno di un appartamento ove vive un loro connazionale con altre due ragazze, i quali, nel precedente pomeriggio, avevano avuto un’accesa discussione e vietato l’ingresso alla ragazza del gruppetto, che quindi era ritornata in serata accompagnata dai suoi amici per vendicarsi.

Gli studenti cinesi, tuttavia, riuscivano solo ad entrare nel palazzo ma non nell’appartamento, all’esterno del quale minacciavano di morte i ragazzi all’interno, e ritornati sulla strada, avendo notato che uno degli inquilini li osservava dalla finestra, estraevano da uno zaino una pistola e per intimorirlo sparavano un colpo, prima di darsi alla fuga a piedi.

Chiarita l’esatta dinamica dei fatti, avvalorata anche da altre testimonianze raccolte, i quattro ragazzi venivano denunciati per il reato di minaccia aggravata in concorso e le due pistole recuperate, ancorché non offensive, sono state sottoposte a sequestro

Edizioni