« Torna indietro

Montagne aquilane ancora in fiamme: dove c'è fumo c'è fuoco (si impone una riflessione)

Alta velocità Roma-Pescara, Lelio De Santis e la prospettiva aquilana: “Subito un Consiglio comunale”

Riceviamo e pubblichiamo da Lelio De Santis, Capogruppo Cambiare insieme al Consiglio comunale: “La presentazione al Ministero delle Infrastrutture del Progetto di collegamento ferroviario ad alta velocità tra Roma e Pescara, che prevede un investimento di 6,5 miliardi, è un’ottima notizia per il futuro dell’Abruzzo. Saranno accorciati i tempi di trasferimento per uomini e merci fra la Capitale e la Nostra Regione, fra il Tirreno e l’Adriatico, e forse inizierà l’avvio del disegno di un riordino
istituzionale con la realizzazione della macroregione del CentroItalia.
Il Presidente Marsilio ha accolto con favore questo progetto e tutte le
Forze politiche regionali lo hanno salutato con altrettanto favore,
com’è giusto che sia. Quello che preoccupa e che mi spinge a tornare sul tema è il silenzio assordante della politica aquilana e, sopratutto, del sindaco della città capoluogo di Regione e della maggioranza ( se ancora c’è), rispetto ad un passaggio decisivo per le aree interne e per la città
dell’Aquila, che rischia un altro colpo mortale verso l’isolamento
sociale ed economico. Rimanere tagliati fuori da un assetto
infrastrutturale moderno e veloce e da un collegamento diretto su ferro
con Roma potrebbe significare una marginalizzazione del territorio
interno ed un indebolimento
delle potenzialità culturali e turistiche
dell città di L’Aquila. Su un tema così strategico e fondamentale per il
futuro, non è comprensibile una mancanza totale di attenzione e di
partecipazione del Governo cittadino, impegnato solo in beghe di bottega
e in lotte di potere. Penso che sia ora, sperando che non sia troppo
tardi, di far sentire la voce e le proposte delle Istituzioni aquilane
al fine di un’integrazione del progetto, riallacciando i fili del
collegamento su ferrovia anche di L’Aquila con Roma. A tal fine, torno a
sollecitare il presidente, Roberto Tinari, perché convochi con urgenza
un Consiglio comunale aperto per esaminare la bozza progettuale di
collegamento
L’Aquila-Roma, già depositata due mesi fa. Mi permetto di
ricordare al Presidente Tinari che Consiglio non può adeguarsi ai tempi
lenti e sonnolenti della Giunta e che un tema così importante impone un
ruolo attivo e propositivo dell’Assise comunale
, che rappresenta tutta
la comunità aquilana”.

Edizioni