« Torna indietro

Trecastagni, donna vittima di soprusi salvata da una telefonata anonima giunta ai carabinieri

I Carabinieri della Stazione Trecastagni (CT) hanno arrestato nella flagranza un 37enne del posto, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi nei confronti della moglie di anni 44.

I Carabinieri della Stazione Trecastagni (CT) hanno arrestato nella flagranza un 37enne del posto, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi nei confronti della moglie di anni 44.

La donna pativa da anni violenze e soprusi di ogni genere, mai denunciati per paura e vergogna, ma soprattutto per proteggere la figlia minorenne, come ad esempio quello subito nel luglio del 2019 quando riportò la rottura di diverse costole.

Una chiamata anonima giunta ai carabinieri di Trecastagni, tramite la quale l’interlocutore segnalava un’aggressione in atto in un’abitazione di via Dei Castagni, consentiva l’intervento immediato di una pattuglia, impegnata in quel momento nel controllo del territorio, che appena arrivata sul posto ha sentito provenire dalla casa le grida dell’energumeno e il pianto a dirotto della vittima .

Entrati nell’immobile, i militari si sono visti affrontare dal maltrattante che indirizzava loro le testuali frasi << qui siete a casa mia…andate fuori.. non vi ha chiamato nessuno … ci vuole un mandato…. non potete entrare senza il mio permesso….>> per poi aggredire uno degli operanti cui proferiva le seguenti minacce <<levati la divisa e ci vediamo fuori…così vediamo cosa sei capace di fare>>.

Nel frattempo giungeva sul posto anche il comandante della Stazione che riusciva a calmare i bollenti spiriti dell’uomo, mentre i militari ponevano in sicurezza la vittima emotivamente provata dall’ennesima aggressione.

La donna, visitata dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Acireale, è stata riscontrata affetta da lesioni guaribili in una decina di giorni, mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari in casa di un familiare.

Edizioni