« Torna indietro

San Donà, il benvenuto di Zoggia e Cereser a 3 nuovi primari Ulss4

“L’arrivo di professionisti provenienti da ospedali prestigiosi testimonia la capacità di attrazione della nostra ULSS che, dopo anni di incertezza rispetto al proprio destino, sta dando dimostrazione di un grande lavoro grazie alla competenza e dedizione dei sanitari e all’investimento sulle strutture che è stato continuo in questi anni”. Così il sindaco di San Donà di Piave, Andrea Cereser.

“L’arrivo di professionisti provenienti da ospedali prestigiosi testimonia la capacità di attrazione della nostra ULSS che, dopo anni di incertezza rispetto al proprio destino, sta dando dimostrazione di un grande lavoro grazie alla competenza e dedizione dei sanitari e all’investimento sulle strutture che è stato continuo in questi anni”. Così il sindaco di San Donà di Piave, Andrea Cereser.

“Un cordiale benvenuto ai nuovi tre primari della Aulss 4, e in particolare dell’Ospedale di San Donà: Giovanni Turiano, nuovo primario di Cardiologia che sostituisce il dottor Francesco Di Pede, Nunzio Mastrantonio nuovo direttore dell’Ortopedia e Traumatologia che sostituisce il dottor Claudio Cereser e Giuseppe Sacco nuovo direttore della Ostetricia e Ginecologia a sostituzione del dottor Antonino di Lazzaro” continua il primo cittadino che conclude: “Il rapporto tra l’Ulss 4 e i Comuni del territorio è da sempre improntato alla collaborazione e alla programmazione condivisa; ricordiamo, proprio in questi mesi di emergenza, l’importante ruolo svolto dal COVID Hospital di Jesolo che proprio in questi giorni si è riattivato”.

“Siamo particolarmente felici di dare il benvenuto a questi nuovi professionisti che dimostrano l’impegno dell’Azienda sanitaria Ulss4 Veneto Orientale verso i tre ospedali del territorio che, va ricordato, coprono un bacino di oltre 200.000 abitanti – dichiara il Presidente della Conferenza dei sindaci della Sanità del Veneto Orientale, Valerio Zoggia -. L’azienda si è dimostrata all’altezza negli ultimi mesi nel fronteggiare l’emergenza covid-19 ed in particolare nella gestione sanitaria durante il periodo estivo con le località balneari della costa nel pieno della stagione turistica. L’arrivo dei nuovi primari rafforzerà la sinergia tra i presidi garantendo migliori servizi ai cittadini”

Edizioni