« Torna indietro

Madrid, il commissariato “sporco” da cui passano i delinquenti col Covid

Nella parte est di Madrid c’è un commissariato che qualcuno ormai chiama il numero 18. Sì, perché nella classifica di tutti i distretti di polizia della capitale spagnola, Moratalaz di questi tempi è la “comisaria sucia”. Dall’inizio della pandemia, qui portano i sospetti che hanno due caratteristiche, sia quella fondamentale di aver commesso reati che l’altra, soprattutto, di avere forse contratto il Covid 19.  Insomma, gli indesiderati passano tutti di qui.

Secondo quanto riporta El Pais, gli agenti di calle de la Tacona hanno all’inizio reagito male agli ordini centrali. Poi ci hanno fatto il callo. Se il delinquente di turno ha sintomi chiari di contagio dal coronavirus va direttamente all’ospedale, ma se li manifesta lievi o il malessere è di incerta origine, finirà sicuro a Moratalaz. Molti si sono interrogati sul fatto che un focolaio del virus nel corpo di Polizia sarebbe un ulteriore disastro nella lotta alla pandemia, oltre a quelli che ha combinato la politica, sempre incerta su chi debba prendere le decisioni, se le regioni autonome o il Governo centrale.

Moratalaz ha più celle e spazi, hanno risposto dal commissariato agli interrogativi dei cittadini. Hanno aggiunto che solo 11 agenti di polizia su 67mila attivi in Spagna sono morti per via del virus.

Il sindacato di Polizia, dopo aver chiesto protezione maggiore e sanificazioni continue, ha però reso noto che mille dei 13mila agenti a Madrid sono a casa a curarsi per via del Covid. 

Edizioni